Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:05 METEO:FIRENZE13°19°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 17 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Coprifuoco, riaperture e cambi di zone: le novità del nuovo decreto

Attualità martedì 07 giugno 2016 ore 16:03

La pet therapy entra nella residenza per anziani

Un nutrito gruppo di ospiti di Villa Santa Monica e di Villa Olimpia ricevono ogni settimana le visite dei cani addestrati



BAGNO A RIPOLI — La nuova terapia a base di affetto e divertimento con i quattrozampe nasce da un progetto gestito dall'Accademia cinofila fiorentina. Gli incontri nelle due residenze sanitarie assistite per anziani sulla via di Rosano sono iniziati oggi e andranno avanti fino alla fine dell'anno.

“Il benessere fisico e mentale contribuisce alla qualità della vita delle persone che risiedono da noi - ha spiegato Vania Pini, titolare insieme ai fratelli Alessandro e Monica delle due residenze per la terza età - La presenza di un cane o di un altro animale può significare per loro un grande stimolo sotto vari aspetti, cognitivi, fisici, mentali. Per questo da oggi la pet therapy entra nelle nostre strutture con un gruppo di operatori qualificati”.

“L'inserimento dei nostri cani in strutture assistenziali è per l'anziano un cambiamento importante - spiegano gli esperti dell'Accademia Cinofila - Il cane diventa per l'anziano un facilitatore nella comunicazione e nel movimento, con evidenti benefici sociali e affettivi. Attraverso la stimolazione tattile e la comunicazione non verbale, favorisce l'apertura verso le relazioni interpersonali. Alcune ricerche dimostrano che l'animale è in grado di risvegliare l'attenzione e molte funzioni cognitive di base, rafforzando l'equilibrio emotivo, relazionale e fisiologico”. 

La presenza del cane ha effetti calmanti già solo accarezzandolo o osservando un altro individuo che lo accarezza. L'anziano coinvolto nella pet therapy è stimolato così anche nel movimento, in particolare nella mobilizzazione degli arti superiori e inferiori.

Nei prossimi mesi fli ospiti delle due strutture  lavoreranno anche sulla fototerapia ovvero l'uso terapeutico delle fotografie quale forma di stimolo della memoria a breve termine, di rievocazione di sensazioni e sentimenti, di rappresentazione mentale e stimolazione dei cinque sensi.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel giro di poche ore i ladri hanno fatto visita in due appartamenti della stessa zona. I proprietari hanno scoperto il furto al loro rientro
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità