Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE17°31°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 03 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Vanessa Ferrari: «Puntavo all'oro, ma è arrivato un bellissimo argento. Più di così non potevo fare»

Cronaca giovedì 10 marzo 2016 ore 18:00

​Inchiesta Tav Firenze, prosciolti in due

Un cantiere della Tav

Nell'udienza preliminare il giudice ha scagionato Incalza e Mele per non aver commesso il fatto. A giudizio Maria Rita Lorenzetti e altri imputati



FIRENZE — Prosciolti per non aver commesso il fatto. E' questa la sentenza emessa dal gup di Firenze nei confronti di Ercole Incalza e Giuseppe Mele, coinvolti nell'articolata inchiesta relativa alla linea ferroviaria della Tav e in particolare ai lavori di sottoattraversamento, in tunnel, della città.

I due, come dirigenti dell'unità di missione del ministero delle Infrastrutture, erano stati accusati di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e all'abuso di ufficio nell'esecuzione dell'appalto.

Va a giudizio, ma alleggerita di varie imputazioni come corruzione, falso e abuso d'ufficio, l'ex presidente dell'Umbria e di Italferr Maria Rita Lorenzetti.

Insieme a lei a giudizio andranno anche il dirigente di Italferr Valerio Lombardi, il legale rappresentante di Nodavia Furio Saraceno, il già responsabile di Ds e Pd a Palermo Walter Bellomo, i dirigenti di Coopsette Maurizio Brioni e Marco Bonistalli, ma anche Busillo e Vizzino con l'accusa di frode nel corretto e completo montaggio della fresa di scavo del tunnel.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Radio Taxi 4242 e Sms Tassisti Fiorentini hanno consegnato ai lavoratori in presidio contro i loro 422 licenziamenti 4.000 bottiglie
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS

Lavoro