QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 10° 
Domani 7° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 26 gennaio 2020

Arte lunedì 23 febbraio 2015 ore 16:35

Il restauro dell'Ercole e Nesso

Il lavoro al gruppo scultoreo, restaurato già da Giovanni Caccini allievo del Giambologna, è stato finanziato dagli Amici degli Uffizi



FIRENZE — L’anno scorso cadevano i 400 anni dalla morte di Giovanni Caccini (1556-1613), allievo di Giambologna fra i più abili restauratori di scultura antica attivi nella Firenze della seconda metà del XVI secolo. In quella circostanza  deciso di procedere al restauro di quello che può essere considerato un vero e proprio capolavoro del suo genio di integratore, il gruppo di Ercole e Nesso (Ercole e il centauro), sistemato dal 1595 alla testata del primo corridoio degli Uffizi. Dai soli piedi conservati sulla superficie antica della base Caccini fu in grado di ricostruire l’intera figura di Ercole, dando vita a un gruppo molto vicino all’antico prototipo.

Alcune settimane fa ha preso il via il delicato restauro del gruppo scultoreo, finanziato con 10mila euro dall’Associazione Friends of Uffizi Gallery.

Le indagini petrografiche hanno consentito di appurare l’origine dei marmi che, per la parte antica, si è rivelata essere asiatica, mentre per la parte moderna è stato utilizzato il marmo di Carrara. Molte sono state anche le novità emerse sulla scultura e sulla sua complessa storia. Sulla scorta dei documenti cinquecenteschi,infatti, erano note due fasi successive di integrazione del frammento antico, la prima avvenuta a Roma, per opera di uno scultore di nome Maestro Silla, la seconda a Firenze per mano di Giovanni Caccini.

L’opportunità offerta da questo cantiere ha, inoltre, consentito di ricostruire, sulla base di dati certi, l’originaria postura del centauro che, nell’adattamento cacciniano, risulta essere più schiacciata e compressa rispetto alla situazione originaria. Anche il piede sinistro di Ercole, che si pensava interamente originale, è risultato, in realtà il frutto di una radicale rilavorazione del Caccini che ha dato forma a un piede inarcato sfruttando il materiale dell’appoggio originario. 

“S’è compiuto felicemente – ha aggiunto Antonio Natali, Direttore della Galleria degli Uffizi – il restauro d’un gruppo marmoreo antico in cui fu determinante l’intervento di Giovanni Caccini, scultore di rango, cui nel Cinquecento, proprio per la sua poetica abilità, si fece ricorso frequente per integrare le mutilazioni inferte dal tempo a marmi antichi e moderni. A lui si deve infatti il restauro della statua di San Giovanni Gualberto di Benedetto da Rovezzano, così ben condotto da far credere per quattro secoli che l’effigie del santo fosse tutta di sua mano”.

“Un altro grande capolavoro della Galleria degli Uffizi - ha sottolineato Maria Vittoria Rimbotti, Presidente dell’Associazione Amici degli Uffizi e di Friends of the Uffizi Gallery - torna a una migliore leggibilità. Il gruppo marmoreo di Ercole e il Centauro di Giovanni Caccini, che dialoga con il Laocoonte di Baccio Bandinelli, ritrova la propria luce grazie all’intervento interamente finanziato dall’associazione Friends of the Uffizi Gallery. Proprio grazie alle operazioni di restauro sulle sculture, promosse in questi ultimi anni con oltre 500mila euro, abbiamo potuto apprezzare quanto sia cresciuta l’attenzione del pubblico verso la parte scultorea della Galleria”.



Tag

Elezioni Regionali 2020, in Calabria è una sfida a 4

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cultura

Attualità