comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE12°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 25 novembre 2020
corriere tv
Lilli Gruber a Conte: «Ha mai sentito Mario Draghi?». E il premier non la prende bene

Attualità giovedì 27 agosto 2020 ore 11:28

Vigile del fuoco visita i Lupi in ricordo del papà

Pietro racconta a QUInewsFirenze il suo viaggio per visitare la Caserma dei Lupi di Toscana dove il padre aveva svolto il servizio militare



FIRENZE — Un vigile del fuoco di Imperia è arrivato a Firenze per fare visita all'ex Caserma dei Lupi di Toscana e ricordare così il padre scomparso. 

Queste le parole di Pietro Campagna che hanno emozionato il web e commosso i Lupi "Mi dicevi che ti sarebbe piaciuto tornare qui alla Caserma dei Lupi di Toscana che ti ha fatto conoscere e apprezzare Firenze. Purtroppo ci hai lasciato troppo presto e non ci sei riuscito Sono tornato io... è bello sentirti ancora vicino in un luogo che hai amato. Ciao papà".

Pietro il tuo post sui social ha commosso l'Italia da nord a sud dove risiedono ancora i Lupi di Toscana ed i loro parenti

"L'affetto è stato grande, in tanti condividono l'esperienza di mio padre vissuta a Firenze con la divisa dei Lupi di Toscana"

Raccontaci di tuo padre 

"Mio padre Antonio arrivava da una modesta e numerosa famiglia di un paesino di Cosenza, Orsomarso. Cominciò a lavorare da ragazzino per guadagnarsi il pane, cosa che lo portò via dall'amato paesino e si stabilì ad Imperia quando nel '68 arrivò la chiamata alle armi e venne a Scandicci a passare quello che mi diceva sempre essere stato un gran bel periodo della sua vita".

Cosa ricordava dell'esperienza alla Gonzaga?

"Il servizio militare gli ha insegnato tante cose, gli fece vedere posti meravigliosi come Firenze o i monti e le colline, il Valdarno o il monte Carpegna. Qui ha imparato a valutare e rispettare le persone, soprattutto quelle con più esperienza e come mi ripeteva spesso ha trovato dei veri amici 'Quando mangi, dormi, piangi insieme si crea un legame che non dimentichi mai' mi diceva. Uno dei suoi rimpianti più grandi è stato di non aver "messo firma" come gli dicevano i suoi superiori, ma a vent'anni si ragiona un po' così. Nel '70 si congedò a malincuore dai Lupi e da Firenze, tornò a lavorare e nel 72' sposò mia madre, sua compaesana. Ad Imperia nacqui io e le mie tre sorelle".

Aveva un legame con Firenze anche sportivo

"Figurati che lui tifava Fiorentina fin da bambino, e fece un anno e mezzo a Firenze dove andava spesso al Franchi a vedere i viola. Ha addirittura festeggiato uno scudetto, quello del '69. Fin da bambino l'ho sentito parlare di Firenze e di Scandicci che gli erano rimaste nel cuore, e gli sarebbe tanto piaciuto tornare. Purtroppo cinque anni fa si è ammalato ed è scomparso a soli 66 anni".

Hai deciso di fare tu il viaggio a Firenze

"Sono voluto passare 'in pellegrinaggio' dalla sua amata caserma dove ho lasciato due cose sue e lo stesso ho fatto al Franchi. Quello che sono lo devo in maggior parte a lui, e ti assicuro che non e' stato facile crescere 'ritto' arrivando da una famiglia modesta che viveva nelle case popolari in mezzo ai delinquenti con mille occasioni per prendere scorciatoie...".

Cosa ti ha lasciato l'insegnamento di tuo padre?

"Ha fatto una vita di sacrifici per permettere a me e alla famiglia di avere un futuro e delle condizioni migliori di quelle che aveva lui. Spero di riuscire a fare lo stesso con mia figlia. Mi ha fatto estremo piacere tornare là dove lui ha lasciato una parte di cuore".

L'ex Caserma Ferrante Gonzaga tra Firenze e Scandicci ha ospitato il 78° Reggimento di fanteria Lupi di Toscana, in attività dal 1 Aprile 1947 al 2008. Luogo del Cuore del Fondo Ambiente Italiano è oggi di proprietà comunale ed è oggetto di un piano di recupero.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità