Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:FIRENZE17°24°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 19 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Prodi sul Pd: «Il programma è ristretto, ora bisogna coinvolgere la gente»

Attualità venerdì 14 maggio 2021 ore 14:59

Via libera al restauro della Cappella Brancacci

Lo scrigno che custodisce gli affreschi di Masaccio, Masolino da Panicale e Filippino Lippi sarà restaurato dall'Opificio delle Pietre Dure



FIRENZE — Si partirà dall'analisi e monitoraggio a cura della Soprintendenza e del Cnr, poi inizierà il restauro vero e proprio a cura dell'Opificio delle Pietre Dure. E' stato firmato l'accordo che dà il via libera al restauro della Cappella Brancacci, scrigno d'arte della chiesa di Santa Maria del Carmine a Firenze che custodisce i preziosi affreschi di Masaccio, Masolino e Filippino Lippi. 

Il restauro andrà a intervenire per stabilizzare il ciclo pittorico che presenta fenomeni di deterioramento emersi con un monitoraggio nel novembre del 2020.

La Cappella fu fondata dalla famiglia Brancacci nel tardo Trecento, ma si deve al ricco mercante Felice Brancacci la commissione nel 1423 degli affreschi con le storie di San Pietro. L'ultimo restauro, negli anni '80, ha permesso di recuperare le superfici decorate. 

La Fondazione Friends of Florence ha annunciato l'intento di compartecipare, insieme alla Jay Pritzker Foundation, per finanziare e realizzare l'intervento di analisi e monitoraggio e ha espresso anche interesse al finanziamento del restauro.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Spopola il post dell'Abate Bernardo. Fino a 45 chilogrammi di miele, tanto potranno produrre le 90mila api in alta stagione sul colle di San Miniato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità