comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:40 METEO:FIRENZE12°17°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 29 ottobre 2020
corriere tv
Piazze in fiamme in Italia: guerriglia da Nord a Sud contro il Dpcm

Attualità lunedì 17 febbraio 2020 ore 11:03

Taglio dei pini ad alta tensione, malore in piazza

Foto da Facebook

Associazioni ambientaliste e comitati cittadini hanno organizzato un presidio permanente ed hanno tentato di bloccare il taglio degli alberi



FIRENZE — Sono iniziati questa mattina i tagli dei pini in piazza della Vittoria, transennata nelle ore precedenti. I cittadini in presidio permanente hanno tentato di opporsi ed è stato necessario l'intervento delle forze dell'ordine. Una donna che aveva partecipato al presidio permanente ha accusato un malore ed è stata soccorsa dal personale sanitario.

Comitati cittadini di zona ed associazioni ambientaliste con il sostegno dei Fridays for Future avevano, infatti, organizzato un presidio permanente per la tutela del verde tappezzando le recinzioni con cartelli e slogan per la salvaguardia dei pini domestici (vedere articoli collegati).

"Resteremo sino a quando non ci manderanno via" aveva spiegato Deanna, coordinatrice dell'Associazione piazza della Vittoria a QUInewsFirenze. La richiesta del presidio "mantenere le attuali alberature che secondo il progetto dovrebbero essere abbattute". In piazza sono scesi nei giorni scorsi anche alcuni studenti del vicino Liceo Dante.

L'assessore Cecilia Del Re ha spiegato a QUInewsFirenze di aver incontrato i residenti per illustrare il progetto ed ha sottolineato la revisione del progetto che non prevedeva in fase iniziale l'impianto di pini, inseriti poi per andare incontro alle richieste dei cittadini. Per la riqualificazione della piazza sono previsti nuovi vialetti, una nuova pavimentazione, panchine e servizi come un bagno pubblico ed un gazebo fornito di connessione wifi. A regime sono previsti circa 70 esemplari di pini.

La partenza dei cantieri ha riacceso il dibattito politico “Prima delle 8 - hanno detto Dmitrij Palagi e Antonella Bundu consigliere e consigliera comunale di Sinistra Progetto Comune e Vincenzo Pizzolo consigliere del Quartiere 5 di Sinistra Progetto Comune - diversi alberi erano già stati abbattuti, mentre una persona si è sentita male ed è stata portata via in ambulanza, dopo essere stata allontanata dall'area delimitata dalle transenne e oggi definitivamente chiusa. Un modo sbagliato di governare, capace solo di alimentare insofferenza, delusione e senso di abbandono da parte delle istituzioni, in una chiave inutilmente repressiva, come se ci fossero dei pericolo per la sicurezza pubblica. La criminalizzazione del dissenso è pratica fin troppo nota e diffusa di questi tempi. La vediamo declinata anche in piazza della Vittoria, nei confronti di una battaglia che abbiamo seguito in questi mesi, cercando di riaprire un dialogo tra chi governa la città e chi la vive, senza strumentalizzazioni. L'arroganza della forza è sempre un segno di debolezza e oggi l'Amministrazione si è dimostrata debole. Non finisce ovviamente qui, nonostante si sia provveduto in fretta e furia a svuotare la piazza e tagliare gli alberi. Ci sono ancora tante risposte, politiche e non, che dovranno arrivare”.

Il consigliere al Quartiere 1 di Firenze Più Verde Simone Petralli e la consigliera al Quartiere 2 Chiara Fossombroni insieme a Tommaso Franci, Sandra Giorgetti, Pietro Novelli e Sergio Gatteschi hanno commentato così l'accaduto “Ciò che sta accadendo in Piazza della Vittoria in questi giorni, è al contempo surreale e già visto. Una amministrazione pubblica, legittimamente e nella pienezza dei suoi poteri, decide di riqualificare un'area della città, in questo caso la trascurata Piazza della Vittoria, e presenta un progetto dettagliato con un investimento di mezzo milione di euro. I nuovi pini saranno di dimensioni superiori a quelle standard utilizzate altrove: avranno infatti al momento della piantumazione già un’altezza di 4-5 metri. Inoltre sarà installato un bagno pubblico e, in collaborazione con il Liceo Dante, sarà prevista un’area-gazebo dedicata agli studenti e alle loro espressioni artistiche e musicali. A un gruppo di cittadini il progetto non piace? Legittimo. Alcuni cittadini vogliono protestare? Pienamente legittimo. Ciò che invece è intollerabile è che vengano fisicamente impediti i lavori, provocando: un danno al sistema democratico, perché un gruppo di cittadini non votati da nessuno impedisce il legittimo operare di una amministrazione eletta; un danno economico, visto che i lavori dureranno di più ed i costi ricadranno sulle tasche di tutti i cittadini. Invitiamo l'Amministrazione Comunale a prendere gli opportuni provvedimenti ed a portare rapidamente a termine i lavori in Piazza della Vittoria”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità