Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:29 METEO:FIRENZE12°19°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La stretta di mano tra Draghi e papa Francesco

Attualità mercoledì 15 febbraio 2017 ore 12:07

Un nuovo antibiotico contro i batteri resistenti

Presentato 'Nature Scientific Reports' uno studio realizzato dai ricercatori dell'Università di Firenze insieme a un team internazionale



FIRENZE — Gli antibiotici tradizionali sono sempre meno efficaci contro le infezioni batteriche perché esistono numerosi ceppi batterici che hanno sviluppato meccanismi di resistenza nei loro confronti. A spiegarlo è Debora Berti, coordinatrice del team che ha realizzato lo studio dedicato al nuovo antibiotico nanostrutturato presentato su 'Nature Scientific Reports". 

"La scoperta di nuove molecole con proprietà antibiotiche è diminuita nel tempo - sottolinea Berti - la loro disponibilità sul mercato è inadeguata. In questo contesto è quindi essenziale lo sviluppo di nuovi antibiotici, di formulazione innovativa, che siano versatili e applicabili per il trattamento di infezioni batteriche di diversa origine, e che superino i meccanismi di resistenza batterica. Nel nostro caso la strada della sperimentazione è ancora lunga, ma su modelli animali è stata già dimostrata l’efficacia del nano-antibiotico nel trattamento di infezioni da Clostridium Difficile”.

Nello specifico, il nuovo antibiotico nano-strutturato è costituito da due componenti: uno capace di interagire con la membrana dei batteri destabilizzandola e l’altro in grado di interferire con i meccanismi di trascrizione del DNA. I due componenti si combinano a formare una nano-particella, detta “nanoplex”, di circa 160 nanometri di diametro.

La ricerca è stata realizzata dal team coordinato oltre che da Debora Berti, anche da Costanza Montis, del Dipartimento di Chimica dell'Ateneo, cui hanno collaborato la School of Pharmacy e la School of Medicine della University of East Anglia (Norwich, UK), Procarta Biosystems Ltd (Norwich, UK), nell'ambito del progetto europeo IAPP (Marie Curie Industry-Academia Partnerships & Pathways) DNA TRAP (Delivery of Nucleic Acid-Based Therapeutics for the Treatment of Antibiotic-Resistant Pathogens).

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La polizia municipale ha diramato le fotografie di quattro biciclette recuperate al fine di individuarne i proprietari per la restituzione
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità