Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:55 METEO:FIRENZE11°13°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 12 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Come funziona il vaccino Johnson&Johnson in arrivo in Italia. A differenza degli altri è monodose

Attualità lunedì 25 dicembre 2017 ore 14:15

Umiltà e povertà, simboli del vero Natale

Omelia alla messa di mezzanotte per il Natale del cardinale di Firenze Giuseppe Betori. L'insegnamento di Betlemme e il no alle aperture per Natale



FIRENZE — "Alla grotta di Betlemme non sembra che siano stati invitati i potenti del mondo e tanto meno chi possiede ricchezze, né i difensori delle sacre tradizioni o gli artefici di un pensiero che vorrebbe dominare il mondo, né i custodi di poteri religiosi che erigono barriere attorno a Dio".

Questo è stato l'inizio dell'omelia di Natale in cattedrale a Firenze del cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze.

"Accanto al Bambino troviamo invece sua madre, Maria, colui che dovrà custodirlo come un padre, Giuseppe, e alcuni pastori, che accorrono dopo aver avuto indicazioni da un angelo", ha proseguito il cardinale evidenziando l'umiltà di Maria, l'obbedienza di Giuseppe 'uomo giusto' e l'ascolto dei pastori. 

"Con questi sentimenti - ha affermato Betori - si può entrare nel presepio, si può stare accanto al Signore".

"Ciò che è in gioco nell'apertura dei centri commerciali nei giorni di domenica e di festa - e che ultimamente qualcuno ha voluto estendere perfino a oggi, il giorno di Natale - non è la possibilità o meno di frequentare iriti religiosi, ma poter o meno avere spazi di umanità, di affetti familiari, di riflessione personale e distensione, di incontri amicali", ha proseguito il cardinale Betori nella sua omelia per la Messa del giorno di Natale.

Poi uno sguardo contro il Natale quello consumistico delle aperture nelle domenica e nei giorni di festa: "Nel difendere la domenica e la festa, nel difendere il Natale dall'offensiva consumistica, ciò che sta a cuore alla Chiesa è difendere la persona umana e la società, non le pratiche religiose", ha aggiunto il cardinale.

"Ho voluto soffermarmi un poco su questa vicenda dei centri commerciali - ha proseguito - che si vogliono aperti anche a Natale, non tanto perché questo sia oggi il più grave dei problemi della nostra società - ce ne sono ben altri, come attestano le cronache della guerra, della violenza e della povertà ogni giorno -, ma perché in esso emerge con tutta evidenza come laddove non si accetti il limite, quel limite che Dio ha abbracciato per stare con gli uomini, è l'uomo stesso che viene messo in crisi. C'è invece da riconoscere, e questo in tutti gli ambiti della vita umana, che è proprio il limite ciò che ci permette di stare nella storia, perché la storia è fatta di eventi concreti e non di assoluti, e di stare con gli altri,evitando prevaricazioni ed emarginazioni".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gli autisti dei mezzi pubblici sono nuovamente sul piede di guerra davanti all'ipotesi di limitare il servizio per il perdurare della zona rossa
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità