Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE19°25°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 17 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Forum sul clima, Draghi: «Finora siamo venuti meno agli accordi di Parigi, possibili conseguenze catastrofiche»

Attualità domenica 14 giugno 2020 ore 08:58

Trovano i parabrezza sfondati dai rami caduti

Il temporale che ha interessato il capoluogo ha provocato alcuni danni, le alberature non hanno retto e sono crollati tronchi e rami in strada



FIRENZE — Brutta sorpresa per i residenti del centro storico che hanno ritrovato le auto parcheggiate in piazza danneggiate per la caduta dei rami dovuta al maltempo delle ultime ore. L'allerta emessa dal centro funzionale regionale è scattata alle alle 14 di Sabato e si concluderà alle 20 di stasera, Domenica 14 Giugno.

Il capoluogo è stato attraversando da una forte perturbazione nella tarda serata di sabato, un temporale violento che ha provocato alcuni danni facendo cadere anche tronchi e rami in strada.

Oltre agli interventi dei vigili del fuoco, ad esempio negli interni di via Masaccio, ad essere colpita è stata anche piazza D'Azeglio dove i rami caduti dagli alberi sono piovuti sulle auto in sosta, danneggiando i parabrezza ed in alcuni casi sfondandoli.

Le immagini delle vetture danneggiate hanno scatenato una polemica sulla Pagina Facebook del Comitato Cittadini per Firenze, con gli abitanti divisi tra chi attacca la manutenzione del verde, non abbastanza incisiva, e chi sottolinea come i fiorentini si siano più volte schierati contro un taglio eccessivo dei rami.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
"Non sembra di attraversare il centro di una città d'arte" è la denuncia dei residenti che chiedono maggiore controllo del traffico in Oltrarno
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca