Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE10°20°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 28 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Approvata legge di bilancio in Cdm, c'è stato applauso. Soddisfatti del provvedimento»

Cultura sabato 30 aprile 2016 ore 10:04

Tremila firme per gli arazzi medicei

Una petizione rivolta al presidente della Repubblica perché consenta che gli arazzi siano esposti per sempre in Palazzo Vecchio a Firenze



FIRENZE — I 20 arazzi medicei delle Storie di Giuseppe sono stati recentemente esposti a Roma, Milano e nel capoluogo toscano, dopo il restauro. A presentare la petizione, corredata di lettera al presidente della Repubblica, è la fondazione no profit Angeli del Bello.

Gli arazzi sono in parte del Comune di Firenze e in parte del Quirinale: dunque, fino ad oggi, con l'eccezione del periodo di esposizione, sono rimasti 'divisi'. Con la petizione, gli Angeli del Bello ne chiedono, si legge nella lettera firmata dal presidente dell'ente Giorgio Moretti, "la ricollocazione nel luogo per il quale erano stati pensati e tessuti, la sala dei Duecento". 

"Come è a Lei noto, Cosimo I de' Medici li commissionò quale arredo strabiliante del Salone de' Dugento in Palazzo Vecchio nel 1543 - ricorda Moretti -. Mai era stata realizzata un'opera così grandiosa, qualitativa e particolare nell'ambito dell'arazzeria mondiale. Venti tele che, dopo 27 anni di restauro e tre bellissime mostre, rischiano di essere nuovamente separate e di tornare nell'oblio. La loro destinazione d'elezione - conclude Moretti - è il Salone de' Dugento".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il rinnovo automatico riguarda gli stalli nelle zone blu promiscue di Zcs. Ecco fino a quando rimangono validi i permessi e che fare se si cambia casa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca