Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE20°32°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 23 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
«Tanti auguri Presidente», ecco il videomessaggio dell'Italia Team per il compleanno di Mattarella

Attualità martedì 15 giugno 2021 ore 15:31

Telecamere puntate sul vicolo della vergogna

spritz

Non sono bastati i paletti ad impedire il degrado, adesso arrivano le telecamere puntate sul vicolo alle spalle della basilica di Santo Spirito



FIRENZE — Occhi puntati sui bagordi della movida di Santo Spirito, nel vicolo usato come vespasiano arrivano le telecamere.

Via de' Coverelli è il vicolo sul quale affacciano i residenti di Santo Spirito che ogni giorno segnalano la presenza di persone che usano la facciata come un vespasiano a cielo aperto.

Dopo le siepi, i paletti e le telecamere su via del Presto di San Martino arrivano le telecamere su via de' Coverelli oltre alla cordonatura del sagrato il cui allestimento è partito in queste ore.

La vice sindaca Alessia Bettini ha risposto alla consigliera Patrizia Bonanni spiegando i termini dell'intervento "Sono stati già installati dei paletti in via de’ Coverelli per interdire la sosta non autorizzata e scoraggiare gli atteggiamenti poco decorosi. Il cordonato adesso verrà realizzato con dei paletti metallici che hanno un basamento in calcestruzzo e che saranno legati con un cordone di canapa. Entro sei giorni verrà realizzato tutto il cordonato. Segnalerà un’area di rispetto, il divieto di stazionamento ed il divieto di consumo di cibi e bevande. Saranno, inoltre, installate due telecamere in via de’ Coverelli".

I paletti, o chiodi fiorentini, oltre a non avere limitato l'uso improprio del vicolo hanno fatto arrabbiare i residenti che si sono sentiti beffati per essere rimasti senza i posti auto. I residenti avrebbero voluto una cancellata lungo tutto il perimetro della chiesa, alta almeno 1 metro e 80 centimetri, non le siepi e non il cordolo di canapa.

Basteranno cordonatura e telecamere a riportare l'ordine e a liberare i residenti dall'incombenza di monitorare la situazione e richiamare gli avventori molesti?

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un fiore all'occhiello dell'urbanistica fiorentina di inizio Novecento, il giardino è dedicato alla memoria del giudice Antonino Caponnetto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Attualità