comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 21°28° 
Domani 22°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 15 luglio 2020
corriere tv
Autostrade, la famiglia Benetton accetta le condizioni del governo

Attualità mercoledì 01 febbraio 2017 ore 18:11

Telecomunicazioni a rischio, lavoratori in piazza

Foto facebook "Slc Cgil Vodafone Pisa"

Adesione all'80 per cento allo sciopero indetto dai sindacati per la manifestazione regionale. In Toscana sono 4mila i lavoratori del settore



FIRENZE — Hanno sfilato per le vie del centro di Firenze con bandiere e striscioni per alzare la voce contro situazioni come quella di Almaviva, con la sua cascata di licenziamenti, come quella di Tim, per la disdetta degli accordi o quella di Ericsson, caratterizzata da 50 posti di lavoro in bilico. 

Per questo i lavoratori del settore delle telecomunicazioni sono scesi in piazza. Si tratta, spiegano in una nota Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil, di "un settore fondamentale per lo sviluppo tecnologico e industriale del paese". Oggi, aggiungono i sindacati, "è di uno dei pochi settori in crescita, potrebbe creare posti di lavoro e innovazione utile a tutti, soprattutto al nostro paese".

Al momento i lavoratori del settore delle tlc in Toscana conta circa 4mila addetti e nel conto non rientrano quelli degli appalti.

Il problema, spiegano ancora i sindacati, è che "Confindustria e le aziende del settore di fatto depauperano le potenzialità dell’innovazione e della crescita per interessi di bottega. La crisi di Almaviva, di Ericsson, di Tim e di tante altre realtà dimostrano la volontà delle aziende di portare avanti politiche di solo taglio dei costi. Ne sono riprova incontrovertibile i 55 milioni di Bonus a disposizione di Flavio Cattaneo e del management di Tim a patto che taglino i costi, indipendentemente dalla qualità del servizio erogato".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità