Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:FIRENZE13°26°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 18 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità giovedì 18 maggio 2023 ore 17:38

Strage dei Georgofili, sale Oblate dedicate a Dario e Giovanna

Dario Capolicchio e Giovanna Maggiani Chelli, lo studente vittima dell'autobomba e la presidente dell'associazione vittime della Strage dei Georgofili



FIRENZE — Nel 30° anniversario dell'attentato del 27 maggio 1993 il Comune di Firenze ricorda Dario Capolicchio e Giovanna Maggiani Chelli, 30° attentato via dei Georgofili, Firenze ricorda Dario Capolicchio e Giovanna Maggiani Chelli, o studente vittima dell'autobomba e la storica presidente dell'associazione vittime della strage di via dei Georgofili. A loro saranno intitolate, venerdì 19 Maggio, due sale della Biblioteca delle Oblate.

"Vogliamo sensibilizzare soprattutto quei giovani che quando Firenze venne sventrata dalle bombe e imbrattata dal sangue di tanti innocenti non erano neppure nati - ha sottolineato l'assessora alla cultura della memoria e della legalità Maria Federica Giuliani - e lo vogliamo fare attraverso la cultura, intitolando a Dario e Giovanna due sala della biblioteca comunale più prestigiosa, quella delle Oblate, a poche centinaia di metri dal luogo dove trent'anni fa scoppiò il Fiat Fiorino carico di esplosivo ad alto potenziale".
"Dario era uno studente universitario di architettura e morì tragicamente a 22 anni - ha aggiunto l'assessora - vogliamo che sia un nome ricordato da quegli studenti che oggi, come lui 30 anni fa, vivono la nostra città. Oggi, come quel giorno, resta tanta commozione. E’ nel ricordo che troviamo la forza di continuare a combattere le mafie, per questo ricordiamo tutte le vittime".
"Giovanna Maggiani Chelli, madre di una ragazza coinvolta nell'attentato, non perse mai un’udienza dei processi a Totò Riina e agli altri boss mafiosi - ha concluso l'assessora Giuliani - negli anni divenne esperta conoscitrice di tutti gli atti giudiziari relativi sia alla strage dei Gergofili, ma più in generale a tutti i deliti e gli eccidi organizzati da Cosa nostra tra i il 1992 e il 1993. Spesso era Giovanna a collaborare con gli organi inquirenti. Era una donna ostinata, intelligente, di grande energia, con grande capacità di analisi, è stata anima dell'associazione, ha stimolato per anni la massima attenzione sulle stragi e sulla mafia".

In apertura della cerimonia è prevista una performance del gruppo di scrittura creativa EsseCiEffe che hanno lavorato sul testo di Luzi "Sia detto". A loro saranno intitolate, venerdì 19 Maggio, due sale della Biblioteca delle Oblate.

"Vogliamo sensibilizzare soprattutto quei giovani che quando Firenze venne sventrata dalle bombe e imbrattata dal sangue di tanti innocenti non erano neppure nati - ha sottolineato l'assessora alla cultura della memoria e della legalità Maria Federica Giuliani - e lo vogliamo fare attraverso la cultura, intitolando a Dario e Giovanna due sala della biblioteca comunale più prestigiosa, quella delle Oblate, a poche centinaia di metri dal luogo dove trent'anni fa scoppiò il Fiat Fiorino carico di esplosivo ad alto potenziale". 

"Dario era uno studente universitario di architettura e morì tragicamente a 22 anni - ha aggiunto l'assessora - vogliamo che sia un nome ricordato da quegli studenti che oggi, come lui 30 anni fa, vivono la nostra città. Oggi, come quel giorno, resta tanta commozione. E’ nel ricordo che troviamo la forza di continuare a combattere le mafie, per questo ricordiamo tutte le vittime".

"Giovanna Maggiani Chelli, madre di una ragazza coinvolta nell'attentato, non perse mai un’udienza dei processi a Totò Riina e agli altri boss mafiosi - ha concluso l'assessora Giuliani - negli anni divenne esperta conoscitrice di tutti gli atti giudiziari relativi sia alla strage dei Gergofili, ma più in generale a tutti i deliti e gli eccidi organizzati da Cosa nostra tra i il 1992 e il 1993. Spesso era Giovanna a collaborare con gli organi inquirenti. Era una donna ostinata, intelligente, di grande energia, con grande capacità di analisi, è stata anima dell'associazione, ha stimolato per anni la massima attenzione sulle stragi e sulla mafia".

In apertura della cerimonia è prevista una performance del gruppo di scrittura creativa EsseCiEffe che ha lavorato sul testo di Luzi "Sia detto".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I candidati ritenuti idonei saranno chiamati ad affrontare le prove fra test, guida e colloquio. Tutti i dettagli per presentare la domanda
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Attualità