comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 21°30° 
Domani 22°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 15 luglio 2020
corriere tv
Coronavirus, Salvini: «Italiani non possono essere tenuti sotto sequestro per altri mesi»

Attualità lunedì 23 settembre 2019 ore 16:00

Stadio, è questione di fattibilità e tempi brevi

Il botta e risposta in Consiglio comunale tra maggioranza ed opposizione mette in evidenza il nodo della questione: i tempi di realizzazione



FIRENZE — L'area Mercafir rischia di prevalere sulle altre scelte. Per la realizzazione del nuovo impianto occorrono "fattibilità e tempi brevi", queste le parole chiave, non certo un segreto, che sono emerse dal botta e risposta in Consiglio comunale tra Fratelli d'Italia e Partito Democratico. A dettare questa strategia è stato il patron Rocco Commisso che ha dato la disponibilità economica a patto di partire in tempi brevi. 

“Fratelli d’Italia è sempre stata favorevole al nuovo stadio e lo abbiamo sempre detto a Nardella: su questa battaglia siamo al suo fianco. Solo che, adesso, qualche dubbio su quanto al ‘renziano pentito’ interessi davvero realizzare quest’opera, iniziamo ad averlo. Il ‘renziano pentito’ ha perso due anni di tempo a concedere proroghe e proroghine ai Della Valle, ai tempi in cui era prono alla ‘famiglia”, poi, con l’arrivo di Commisso, ha sposato la teoria del restyling del Franchi, ma di fronte ad una sovrintendenza addirittura possibilista, oggi sbatte le porte e mette il muso. Infine l’idea Campi Bisenzio, che a dire il vero non ci entusiasma, ma che Nardella derubrica ad una scaramuccia interna al Pd. Stesso copione visto per l’aeroporto, a dire il vero. Siamo stufi di vedere lo sviluppo di Firenze sempre ricondotto a diatribe interne al Pd, strumentalizzato da Nardella e soci per le proprie carriere politiche. Se dello stadio non importa niente, non scarichi la colpa a destra e a manca, ma dica chiaro e limpido che dello stadio, a lui non interessa nulla” così Francesco Torselli, coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, assieme al capogruppo a Palazzo Vecchio, Alessandro Draghi.

Nicola Armentano e Fabio Giorgetti, capogruppo Pd e presidente commissione Sport a Palazzo Vecchio hanno replicato “Lo stadio a Firenze non solo si può ma si deve fare. Su questo l’amministrazione è sempre stata ben chiara e il gruppo Pd a Palazzo Vecchio non ha mai avuto dubbi o tentennamenti. Siamo ben felici che la nuova proprietà abbia ribadito più volte la volontà di procedere spedita con questo obiettivo. Siamo notevolmente soddisfatti inoltre che con la proprietà come Comune si sia instaurato un rapporto estremamente collaborativo, una condivisione di intenti come mai si era verificata in città. Siamo sicuri che verrà presa prima possibile la decisione che ci permetterà di avere risultati tangibili nel più breve tempo possibile. Rispetto alle ipotesi in campo, quindi, è giusto che prevalga alla fine quella che comporterà tempistiche più brevi, una burocrazia meno impattante e interventi logistici più fattibili e se queste caratteristiche le ha il progetto Mercafir ben venga. Una soluzione che peraltro ha sempre visto i colleghi Fdi favorevoli, Draghi e Torselli quindi straparlano e si autosmentiscono. Il Pd e l’amministrazione, invece, sono compatti e determinati a proseguire il percorso già intrapreso per dare a Firenze una struttura sportiva all’avanguardia e all’altezza della città e della squadra, puntando inoltre a riqualificare il Franchi”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca