Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:FIRENZE19°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 16 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Canarie: terremoto di magnitudo 4,5 provoca nuovo fiume di lava, altri 300 evacuati

Attualità sabato 08 giugno 2019 ore 13:07

"Spaccio cocaina per aiutare mia madre"

Un pusher sorpreso ed arrestato dai Falchi della Polizia di Stato si è giustificato dichiarando di avere necessità di soldi da inviare all'estero



FIRENZE — La polizia ha individuato ed arrestato uno spacciatore di cocaina che si è giustificato dichiarando di aver intrapreso l'attività di pusher allo scopo di mandare i soldi alla madre, all’estero. A raccogliere la confessione sono stati i Falchi della Squadra Mobile di Firenze che hanno proceduto all'arresto in via del Corso.

L'uomo, un tunisino di 46 anni, da tempo disoccupato e conosciuto alle forze di polizia per i suoi trascorsi, è presente nei fascicoli degli inquirenti con almeno 7 alias.

Durante la perquisizione domiciliare i poliziotti hanno sequestrato più di 30 grammi di cocaina e oltre 23.000 euro in contanti, parte dei quali nascosti fra i libri.

Gli agenti si erano insospettiti dopo aver notato un anomalo via vai tra via del Proconsolo e via del Corso. Sono bastati un paio di giorni di osservazione per fermare i clienti dello spacciatore. Secondo quanto accertato dagli investigatori, in almeno un’occasione il pusher si sarebbe accordato con l’acquirente tramite WhatsApp.

Il 46enne tunisino è stato accompagnato al carcere di Sollicciano.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il sinistro si è verificato a metà pomeriggio a ridosso di piazza Beccaria, provocando code anche a causa del restringimento di carreggiata
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Lavoro