comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:30 METEO:FIRENZE11°16°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 05 dicembre 2020
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo, neve in Liguria: in azione le squadre di soccorso della Protezione civile

Attualità venerdì 22 maggio 2020 ore 15:25

Strada in salita per lo shopping della moda

moda

Allarme di CNA per la filiera che solo a Firenze conta 1.631 imprese. Molte non hanno riaperto il 18 maggio e chi ha aperto è ripartito male



FIRENZE — Le imprese dello shopping della moda a Firenze rilanciano l'allarme sulla difficilissima ripartenza post emergenza, in particolare in un centro storico svuotato di turisti sia italiani che stranieri. Nel capoluogo toscano, ricorda CNA, si trova la maggiore concentrazione di punti vendita d'Italia sia per le borse (il 15% del totale dei negozi moda del territorio rispetto al 3% nazionale) che per pellicce e abbigliamento in pelle (2,3% rispetto allo 0,5% nazionale). 

Molte delle 1.631 imprese del settore attive a Firenze non hanno riaperto il 18 maggio, il primo giorno di riapertura generale dopo i due mesi di restrizioni anti-Covid, e chi lo ha fatto ha comunque visto ridursi drasticamente il proprio volume d'affari: un recente studio della Camera di Commercio parla del 12 per cento in meno, la seconda categoria più in difficoltà dopo alberghi e turismo.

Per questo gli imprenditori stessi hanno realizzato un video nell'ambito della campagna di CNA #compraitaliano: un appello per invitare tutti a privilegiare l’acquisto di prodotti made in Italy così da rilanciare i consumi e sostenere l’intera filiera moda.

“Un modo per aiutare a ripartire un settore commerciale in cui le produzioni locali giocano però un ruolo importante, vuoi per laprevalenza di confezioni (536 tra adulti e bambini), vuoi per le specializzazioni del comparto strettamente correlate al distretto della pelletteria”, ha detto Tiziana Trillo, coordinatore di CNA Federmoda Firenze.

“Una campagna, inoltre, che vuol sensibilizzare quella parte di fiorentini inclini alla ‘fast fashion’ a non acquistare capi usa e getta, ma di qualità e originalità, prodotti da quelle stesse mani e menti creative che stanno nel dietro le quinte dei grandi brand” 



Tag

Programmazione Cinema Farmacie di turno


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità