Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 25 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo2020, la sicurezza blocca Simone Biles: «Mi mostra il pass? Buona fortuna»

Attualità mercoledì 25 novembre 2015 ore 17:34

Ricominciare dopo le violenze

Via al progetto della Metrocittà per il reinserimento lavorativo delle 4.631 donne che negli ultimi 6 anni si sono rivolte ai centri antiviolenza



FIRENZE — I numeri sono contenuti nel VII rapporto dell'Osservatorio sociale regionale e diffusi da Benedetta Albanese, consigliera alla pari opportunità della Città metropolita di Firenze.

L'ente che ha sostituito la Provincia e che si occupa del contrasto alla violenza di genere così come previsto dalla legge regionale, ha organizzato un corso di formazione congiunta, curato dall'agenzia per la formazione dell'Asl 11 di Empoli, rivolto a 110 operatori del territorio metropolitano. In più verrà lanciato un servizio di sostegno all'inserimento o reinserimento lavorativo delle donne vittime di violenza domestica, individuate dai servizi sociali dei municipi. 

"Obiettivo del servizio - spiega Albanese - è quello di avviare un processo di autonomia economica delle donne che vivono queste situazioni relazionali violente e soggezione psicologica, attraverso percorsi di accompagnamento al lavoro che, oltre a ridurre almeno la dipendenza economica della donna stessa, la aiutino a sviluppare una maggiore consapevolezza di sè e delle proprie risorse e capacità, e la aiutino a gestire meglio anche il proprio quotidiano".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Non sono scampati ai posti di blocco. I carabinieri si sono appostati in punti strategici per controllare il tasso alcolico sulle strade della movida
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS