QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 11°11° 
Domani 10°13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 19 novembre 2019

Attualità lunedì 21 ottobre 2019 ore 11:00

Scritte in città, invasi dal centro alla periferia

Ogni mattina un residente si sveglia e trova una nuova firma sulla strada che percorre abitualmente, i writer sembrano aver superato ogni inibizione



FIRENZE — A giudicare dalle segnalazioni che arrivano dal centro alla periferia, sarebbe in corso un aumento dei tag in città, la firma lasciata dal writer di turno con lo spray sulle facciate degli edifici. Un fenomeno che non ha zone di riferimento ed interessa tutti i residenti che al mattino si svegliano scoprendo nuovi imbrattamenti sui quali occorre intervenire per la pulitura, dal centro storico alle periferie. 

Se fino a qualche tempo fa i blitz notturni si soffermavano su cassonetti ed ampie pareti di edifici poco frequentati, cosiddette aree di confine, pare che sotto attacco siano finiti anche gli edifici residenziali e le strade commerciali più frequentate dove c'è passaggio e dunque aumenta la visibilità.

A confermare la percezione dei residenti sono stati nei giorni scorsi gli Angeli del Bello, l'associazione di volontari che in collaborazione con l'azienda dei servizi ambientali monitora il degrado delle facciate urbane, è intervenuta sui social con un post in cui sottolinea "in un momento dove l’attività di tagging sta subendo una recrudescenza in città".

 In centro storico gli abitanti di Sant'Ambrogio hanno chiesto più telecamere, un caso limite si è verificato in via degli Alfani, dove all'ennesimo graffito comparso sulle pareti appena tinteggiate, l'associazione de Il Grillo Parlante Fiorentino per voce di Gianni Greco ha proposto di intervenire con un vero murale autorizzato per impedire il susseguirsi del tagging sregolato. "Siamo messi male anche a San Jacopino - ha raccontato Simone del Comitato Cittadini Attivi San Jacopino a QuiNews Firenze - le scritte imbrattato tutti gli arredi urbani, i muretti e da un mese abbiamo fatto diversi solleciti affinché qualcuno ci aiuti ad intervenire, ma al momento nessuno ha risposto".

Per quanto riguarda l'opera di recupero prosegue intanto l'attività degli Angeli del Bello che usano il tintometro per selezionare la vernice da usare come copertura delle scritte. L'affiliazione all'associazione consente di collaborare all'opera ed al tempo stesso fornisce gli strumenti tecnici per intervenire anche a livello condominiale e sulle strade di vicinato.



Tag

Bologna, rubano bancomat alle Poste e intascano un milione: 3 arresti

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca