Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:05 METEO:FIRENZE12°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 17 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Scuola, Bianchi: «Vaccino obbligatorio per la tutela di tutti»

Cronaca giovedì 10 dicembre 2020 ore 20:55

Scoperti resti umani in una valigia abbandonata

Il cadavere sarebbe in stato di saponificazione. La scoperta è stata fatta dal proprietario di un terreno che si è accorto della valigia abbandonata



FIRENZE — Una valigia contenente resti umani in stato di saponificazione è stata trovata su un terreno alle porte di Firenze.

Secondo quanto reso noto dai carabinieri di Firenze il ritrovamento è avvenuto nel tardo pomeriggio in un terreno agricolo tra l'area perimetrale del carcere di Sollicciano e la superstrada Firenze Pisa Livorno all'interno di una valigia rigida.

La saponificazione è un lungo processo di decomposizione organica che avviene in ambiente chiuso ma stando al racconto dell'agricoltore la valigia sarebbe comparsa solo negli ultimi giorni visto che recentemente aveva frequentato il campo coltivato. 

I carabinieri hanno avviato le indagini ed attendono elementi utili dall'autopsia. Sono al lavoro sul caso i militari del nucleo investigativo del comando provinciale e della compagnia di Firenze Oltrarno.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un C130-J dell'aeronautica militare partito da Pisa ha trasferito il bambino dalla Sardegna a Firenze in un trasporto sanitario urgente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

STOP DEGRADO

Attualità