comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:FIRENZE12°19°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 21 ottobre 2020
corriere tv
Coprifuoco in Lombardia, la rabbia dei ristoratori: il video della protesta

Attualità lunedì 10 agosto 2020 ore 17:46

"San Lorenzo rifiorisca con residenti e artigiani"

Giuseppe Betori
Foto di repertorio

La rinascita del quartiere, l'accoglienza e l'invito a rispettare le norme anti-Covid nell'omelia del cardinale Betori per la festa di San Lorenzo



FIRENZE — Firenze celebra la festa di San Lorenzo e lo fa nel quartiere che ne porta il nome. Nella sua omelia, pronunciata in occasione della messa in basilica, l'arcivescovo di Firenze, il cardinale Giuseppe Betori, ha richiamato l'attenzione sulla necessità di rinascita del quartiere: "La città, questo quartiere di San Lorenzo hanno bisogno di trovare un loro proprio assetto umano che animi e alimenti anche il tessuto economico - ha detto - Abbiamo bisogno di favorire la presenza di nuclei familiari stabilmente residenti, che creano rapporti e danno un contesto di identità civile e di umana accoglienza a chi viene tra noi da fuori. Un’economia fiorisce sulla base di relazioni sociali e non su bisogni artificiosamente indotti. È necessario un sapiente equilibrio tra vissuto familiare, attività artigianale e commerciale, promozione culturale". Per Betori, quindi, è in questo senso importante "l’annunciato interesse per ridare vita all’ex-convento di Sant’Orsola, un
interesse che seguiamo con fiducia auspicando che attorno ad esso possa
rifiorire l’intero quartiere nella sua identità di immagine popolare di
Firenze".

L'arcivescovo ha poi speso parole sulla questione dell'accoglienza:  "Sul versante della condivisione va segnalato anche il permanere di condizioni che ostacolano l’integrazione di persone giunte tra noi in forza delle migrazioni che caratterizzano i nostri tempi, con la conseguente creazione di sacche di illegalità che alimentano comprensibili disagi e preoccupazioni tra la gente. Il fenomeno migratorio, nelle sue varie forme, va governato e non subìto, per non diventare terreno di coltura di situazioni in cui si diffondono inaccettabili illegalità e violenze".

Quindi la questione della pandemia, con un messaggio rivolto in particolare ai giovani e "un richiamo alla responsabilità, soprattutto nelle fasce di popolazione giovanile, per il rispetto delle precauzioni che ancora oggi sono necessarie al fine di contenere la diffusione della pandemia, evitando comportamenti che non poche volte nelle piazze e nelle strade della nostra città ne turbano l’ordine e ne offuscano il volto di serena convivenza e di orgoglioso rispetto della sua storia".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità