comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:40 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 02 dicembre 2020
corriere tv
Il Senato chiude l'audio a Casini mentre sta parlando e lui non la prende bene

Attualità giovedì 22 ottobre 2020 ore 19:50

Saccardi in giunta e si apre il caso Sguanci

Stefania Saccardi torna assessore della Regione Toscana, libera un posto in Consiglio che spetta al presidente del Quartiere 1, Maurizio Sguanci



FIRENZE — Con la nomina del presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, Stefania Saccardi è tornata assessore nella giunta regionale liberando un posto in Consiglio che spetta sempre ad Italia Viva e nello specifico a Maurizio Sguanci, presidente del Quartiere 1, il centro storico di Firenze.

Con la recente introduzione della elezione diretta dei presidenti di Quartiere, il ruolo di Sguanci è più rilevante che in passato, per questo motivo sono attese decisioni in merito ad una eventuale dimissione dalla poltrona di piazza Santa Croce, dove ha sede il consiglio di Quartiere 1.

Tra i banchi di Palazzo Vecchio è già fibrillazione, il capogruppo della Lega, Federico Bussolin ha chiesto "nuove elezioni". “Dobbiamo tornare al voto - ha detto Bussolin - per dare al Centro Storico l’importanza che merita con un Presidente a tempo pieno. Il Quartiere 1 affronta una fase storica su temi cruciali e dibattuti e non possiamo permetterci di rallentare le istituzioni, né il rinnovamento di cui il Centro ha bisogno, a partire da un vero ascolto dei residenti, ogni ignorati da Palazzo Vecchio. E’ una richiesta di buonsenso, lo stesso Nardella, nelle regole del gioco, ha chiesto ai suoi presidenti di dimettersi prima di candidarsi. Cosa stiamo aspettando?”.

Duro l'intervento di Forza Italia che l'elezione diretta dei presidenti di Quartiere l'aveva proposta ed ottenuta nello scorso mandato amministrativo "Cozza totalmente con la figura di un presidente, Maurizio Sguanci, che vorrebbe continuare ad esercitare il ruolo nonostante sia stato eletto in Regione. È tempo che i cittadini del centro storico possano scegliere un nuovo presidente in grado di essere al loro fianco ogni giorno, soprattutto in questo momento drammatico che ci troviamo a vivere" hanno detto il capogruppo di Forza Italia Jacopo Cellai insieme ai consiglieri al Q1 Roberta Pieraccioni e Domenico Caporale e al commissario regionale del partito, il senatore Massimo Mallegni. “Formalmente non c’è incompatibilità tra i due ruoli - hanno aggiunto gli esponenti azzurri - ma si tratta di avere rispetto per gli elettori, quelli del centro storico, che hanno votato un presidente per dedicarsi a tempo pieno al proprio quartiere. Senza dimenticare che Sguanci è stato eletto nelle fila di un partito mentre oggi appartiene ad un altro, ulteriore elemento da considerare nell’ottica del mandato fiduciario che ha avuto direttamente dagli elettori. Poco importa che Sguanci metta le mani avanti dicendo che eserciterà il ruolo senza indennità; qui non si tratta di qualche migliaio di euro l’anno ma del corretto funzionamento della democrazia rappresentativa in questa città”.

Il capogruppo di Fratelli d’Italia, Alessandro Draghi ha commentato “Chi si occuperà del centro storico se il presidente è impegnato in Regione? Degrado, problemi di parcheggio, spaccio e abbandono dilagante: i residenti non meritano di rimanere con i problemi irrisolti perché il presidente del Quartiere ha un doppio incarico. Oggi il partito di Giorgia Meloni non ha nessun rappresentante nella prima circoscrizione, ma la crescita elettorale, sintomo di un diffuso disagio a causa di una amministrazione indegna di governare uno dei quartieri più apprezzati del mondo, premierà il partito di destra che rappresento nelle prossime consultazioni elettorali”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità