Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE20°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 30 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Scherma, Di Francisca: «Errigo emotiva». Velasco: «Dichiarazioni disgustose»

Attualità venerdì 09 ottobre 2020 ore 14:48

Ristoratori uniti contro nuove chiusure per Covid

I ristoratori di Marche, Toscana ed Umbria riuniti a Firenze per fare fronte comune contro nuove chiusure per le attività di somministrazione



FIRENZE — Ristoratori Toscana e Ristoritalia, le associazioni toscana ed umbro-marchigiana nate durante il lockdown per dare voce al settore della ristorazione si sono riunite per dare vita ad una federazione di categoria contro nuove possibili misure restrittive.

Pasquale Naccari, portavoce dei ristoratori toscani ha incontrato Gianfranco Vissani, presidente onorario Ristoritalia. In programma due giorni a Firenze di confronto e lavoro per mettere nero su bianco le proposte al Governo della categoria.

"Ci siamo dati appuntamento a Firenze perché, a breve, daremo vita ad una federazione - hanno detto Naccari e Vissani -. Il comparto ristorazione non si può permettere altre chiusure indiscriminate. Siamo preoccupati anche noi per l’innalzamento dei contagi, ma non vogliamo che le persone restino imprigionate dalla paura. Questo terrorismo psicologico creerà gravi danni, porterà le persone a chiudersi di nuovo in casa. C'è troppa confusione sui dati. Aumentano i contagi, ma il numero dei morti fortunatamente non è più quello di prima. Esistono le cure, ci sono i protocolli di sicurezza da seguire e applicare. I cittadini vanno rassicurati, non terrorizzati, altrimenti allo Stato costerà di più dover sopperire a tutte le necessità che deriveranno dalla grave crisi conseguente alla chiusura di tutte le attività".

Hanno poi aggiunto "I nostri locali sono spazi sicuri e controllati. Non sono certo luoghi di contagio. Non c'è da temere nulla a venire a cena o a pranzo nei ristoranti». Sono ferree, ricordano i presidenti delle due associazioni, le misure imposte dall’emergenza: elenco dei nominativi dei clienti, dispenser con gel, utilizzo della mascherina da parte di tutto il personale e da parte dei clienti nei luoghi comuni, distanziamento dei tavoli e continua igienizzazione. In alcuni locali viene perfino misurato l'ossigeno nel sangue. Non solo. Invitiamo tutti i colleghi a ‘scomporre’ le tavolate in modo da suddividere i gruppi, ogni ristorante è provvisto di ricircolo dell’aria, sia automatico che naturale. Il virus esiste, anche se non è più letale come prima, e ci dobbiamo convivere. La vita deve continuare. Altrimenti qui non si muore per Covid, ma di fame. E' ora di essere uniti e compatti. Basta pensare al proprio orticello. Per questo stiamo lavorando per costituire una federazione nazionale che tuteli una categoria che è già in ginocchio. Stiamo preparando una proposta comune. Non chiediamo assistenzialismo, chiediamo di poter lavorare. Noi stiamo facendo la nostra parte, garantendo la massima sicurezza nei nostri locali, il Governo e le istituzioni facciano la loro".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il corpo ormai senza vita rinvenuto la notte scorsa nei pressi degli orti sociali è di un uomo che era privo di documenti. Indaga la polizia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

Attualità

Attualità