Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:40 METEO:FIRENZE11°17°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 13 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Stupro o sesso consenziente? Alcol, chat, testimonianza. Cosa dicono i giudici che i nostri figli devono sapere

Lavoro domenica 13 dicembre 2020 ore 12:53

Ristoratori neri di rabbia pronti a manifestare

Pasquale Naccari

Il mancato passaggio alla zona gialla della Toscana non è piaciuta. Annunciato un ritrovo sotto la Regione per domani, lunedì 14 Dicembre



FIRENZE — Per le 11 di domani, lunedì 11 Gennaio, i "Ristoratori Toscana" hanno annunciato una manifestazione davanti alla sede della Regione Toscana di piazza Duomo. La manifestazione, hanno spiegato, "per chiedere al presidente Eugenio Giani di andare a Roma e chiedere aiuti che coprano il 100% delle perdite subite".

Ai ristoratori non è piaciuto affatto il mancato passaggio della Toscana da zona arancione a zona gialla, che in molti invece si aspettavano a partire da oggi. Risultato: ristoranti e bar dovranno continuare a fare soltanto asporto per un'altra settimana, con inevitabili ripercussioni negative sugli incassi, già drasticamente ridotti. E lo sconforto va lasciando spazio alla rabbia.

“Il presidente Giani – queste le parole di Pasquale Naccari, presidente Ristoratori Toscana – deve darci tutto quello che è possibile che la Regione ha in cassa (e li ha) e poi andare a Roma, a pretendere dal Governo indennizzi che ci risarciscano delle perdite del mese lavorativo più importante. Ormai il Natale è perso completamente. Chiediamo a tutti, commercianti e cittadini, senza distinzione di categoria e senza bandiera, di unirsi lunedì alle 11 alla nostra manifestazione". 

"Lo sappiamo che la Regione è arancione - ha aggiunto Naccari -, ma manifestare per la nostra sopravvivenza è una giusta causa. E' il momento di far sentire la nostra voce e pretendere risposte. Ringraziamo Cna Toscana e Conflavoro per il sostegno alla nostra battaglia”. 

"I turisti sono assenti da mesi, i fatturati sono pari a zero, centinaia di famiglie rischiano di ritrovarsi senza un tetto e stiamo lasciando spazio a criminalità organizzata e degrado", questo il quadro delineato dal presidente di Ristoratori Toscana. 

"La Toscana è in ginocchio - ha concluso -, più di qualunque altra regione di Italia. Chiediamo al presidente della Regione di farsi carico delle nostre richieste. Fino a ora il Governo ci ha mostrato il disinteresse più totale. Disinteresse che si è concretizzato durante il primo lockdown in un solo mese di aiuti. Ci auguriamo che queste scelte che riguardano il mancato allentamento di restrizioni in Toscana non dipendano da eventuali attriti all'interno del Governo. Non sarebbe giusto per le migliaia di persone che rischiano il lavoro”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il Comune di Firenze ha avviato l’iter per la chiusura definitiva del locale che ha violato più volte le chiusure imposte per le norme anti-covid
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Monica Nocciolini

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità