Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:37 METEO:FIRENZE12°17°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 12 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Raid su Gaza distrugge edificio di 12 piani, il momento del crollo

Attualità mercoledì 14 aprile 2021 ore 14:54

Ricordando Gabriele Chelazzi, giudice anti mafia

Gabriele Chelazzi

A 28 anni di distanza dalle autobombe di Cosa Nostra e a 18 anni dalla morte la città di Firenze ricorda il giudice anti mafia Gabriele Chelazzi



FIRENZE — A 18 anni dalla scomparsa, il Comune di Firenze ricorderà Gabriele Chelazzi, il pubblico ministero che ha coordinato le indagini sulle autobombe del ’93-‘94. L'iniziativa è in programma sabato mattina in diretta streaming, sul canale YouTube del Comune di Firenze. Gabriele Chelazzi è morto per infarto, a Roma, nella notte fra il 16 e il 17 Aprile 2003, ed è stato insignito del Fiorino d’Oro.

Chelazzi ha coordinato le indagini sull’attentato a Maurizio Costanzo a Roma, la strage di via dei Georgofili a Firenze e quelle di via Palestro a Milano e le due di Roma, a San Giovanni in Laterano e a San Giorgio al Velabro oltre al fallito attentato allo stadio Olimpico del 31 Gennaio 1994 e al collaboratore di giustizia Salvatore Contorno nell’Aprile di quello stesso anno.

Appuntamento sabato 17 Aprile, dalle 10 alle 12 in diretta streaming, sul canale YouTube del Comune di Firenze, per l'incontro dal titolo “L'eredità di Gabriele Chelazzi nel contrasto al crimine organizzato. Prevenzione e repressione delle attività predatorie delle mafie durante l'emergenza sanitaria”.

Tra il 27 Maggio e il 27 Luglio 1993 l’Italia pianse dieci innocenti, decine di feriti e danni irreparabili al patrimonio artistico. A 28 anni di distanza le oscure ragioni di quella strategia terroristica, che oltre Firenze colpì Roma e Milano, sono state quasi del tutto individuate: gli uomini che azionarono le autobombe in nome e per conto di Cosa Nostra, e chissà per quali altri mandanti, volevano costringere lo Stato a far marcia indietro sul ‘carcere duro’ per i boss mafiosi e sulla legge sui collaboratori di giustizia.

L'iniziativa si aprirà con i saluti del sindaco Dario Nardella, del presidente della corte d'appello Alessandro Nencini, della presidente del tribunale Marilena Rizzo e dell'assessore regionale Stefano Ciuoffo. Subito dopo interverranno il procuratore generale Marcello Viola, il procuratore di Firenze Giuseppe Creazzo, il procuratore di Prato Giuseppe Nicolosi, il procuratore di Pisa Alessandro Crini, il consigliere speciale del sindaco per la legalità Giuseppe Quattrocchi, Luigi Dainelli, presidente dell’associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili e Caterina Chelazzi. Le conclusioni sono affidate alla cultura della legalità e della memoria Alessandro Martini.

Con il lavoro di Gabrile Chelazzi, Piero Luigi Vigna, Francesco Fleury, Giuseppe Nicolosi e Alessandro Crini, boss e gregari di Cosa Nostra sono stati condannati definitivamente quali mandanti ed esecutori di quella stagione di terrore. Tra questi i capi della mafia siciliana: Salvatore Riina, Bernardo Provenzano, Leoluca Bagarella, i fratelli Graviano, Matteo Messina Denaro.

Il processo si aprì davanti alla corte d'assise di Firenze il 12 Novembre 1996 e si è chiuso in Cassazione il 6 Maggio 2002: un ‘record’ nell’Italia delle stragi impunite.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Paura e rabbia tra i residenti per il raid sulle auto in sosta nel quartiere. Le vetture sono state sventrate per asportare fari e navigatori
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità