Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE23°30°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 01 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Marcell Jacobs e la telefonata inaspettata durante l'intervista: a chiamarlo è Mario Draghi

Attualità lunedì 14 giugno 2021 ore 14:05

Residenti a Schmidt: "Boboli aperto e gratuito"

Lo ha chiesto il Coordinamento dei residenti con una lettera aperta al direttore Eike Schmidt per aprire tutti gli accessi e ripristinare la gratuità



FIRENZE — I residenti dell'Oltrarno hanno scritto una lettera aperta indirizzata al direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt per chiedere di eliminare i costi di prenotazione del fine settimana e riaprire tutti gli accessi al Giardino di Boboli.

I residenti con una manifestazione tenutasi ad inizio Giugno hanno criticato la decisione di chiudere gli ingressi al Giardino di Boboli da via Romana e da Porta Romana mantenendo il solo accesso da Palazzo Pitti con prenotazione on line a pagamento nei giorni di sabato e domenica. 

I rappresentanti dei residenti, dei comitati, delle associazioni e dei commercianti nella lettera inviata anche al sindaco Dario Nardella e alla vice sindaca Alessia Bettini, hanno chiesto che "da subito vengano riaperti gli accessi al Giardino da via Romana e da Porta Romana e che venga tolta la prenotazione online per l'accesso il sabato e la domenica e soprattutto si chiede che, per la popolazione residente, l'accesso al Giardino ritorni ad essere gratuito tutti i giorni dell'anno".

I residenti hanno scritto "Le decisioni conseguenti a disposizioni governative in fase di riapertura dopo l'emergenza covid che, però, non tengono conto di ciò che il Giardino di Boboli rappresenta da generazioni di fiorentini, né del fatto che da sempre è l'unico polmone verde del centro storico, frequentato gratuitamente dalla popolazione residente praticamente fin dall'anno 1766. Oasi verde amatissima, i primi ricordi d'infanzia, le prime gite nel verde, luogo ricco di vita cittadina vissuta e di storia tramandata da generazioni di fiorentini con orgoglio e senso di appartenenza".

La lettera conclude così "Siamo certi che saprà intercedere con le autorità governative facendo presente i delicati equilibri di gestione in una città come Firenze frequentata da milioni di turisti ma ancora abitata da residenti che chiedono di essere tutelati nei loro diritti".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo si è recato insieme con la compagna da un parrucchiere con l'intento di picchiarlo. L'arma da fuoco era legalmente detenuta
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

STOP DEGRADO

Cronaca

Attualità