Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:45 METEO:FIRENZE16°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 05 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La motovedetta libica fa una manovra violenta e i migranti cadono in acqua

Attualità giovedì 05 maggio 2022 ore 11:43

Restauro integrale per la Terrazza Vasariana

La terrazza vasariana
La terrazza vasariana

Anni di esposizione alle intemperie e all'inquinamento hanno deteriorato uno degli affacci più suggestivi. Via ai cantieri, modifiche alla cirolazione



FIRENZE — Anni di esposizione alle intemperie e all'inquinamento hanno deteriorato uno degli affacci più suggestivi di Firenze, una delle più belle e iconiche terrazze dal Lungarno Anna Maria Luisa dei Medici con alle spalle il piazzale degli Uffizi e davanti Ponte Vecchio da un lato e colline, San Miniato e piazzale Michelangelo dall’altro, meta imprescindibile dei turisti per una foto ricordo. Ebbene: ora per la Terrazza Vasariana è giunto il momento del completo restauro. 

I lavori prevedono un costo di 300mila euro e cominceranno il 9 Maggio prossimo con la previsione di modifiche alla circolazione. Per effettuare i lavori sarà infatti necessario chiudere al traffico il lungarno Anna Maria Luisa Dei Medici e il lungarno Archibusieri (da via dei Georgofili). 

Previsto anche il cambio di senso in via Lambertesca (da via dei Georgofili al piazzale degli Uffizi) necessario per istituire l’itinerario alternativo (solo per veicoli autorizzati inferiori ai 35 quintali e di dimensioni inferiori ai 2,40 metri di larghezza e 3 metri di altezza) costituto da via dei Georgofili-via Lambertesca-piazzale degli Uffizi-via della Ninna-piazza del Grano-via dei Castellani-piazza dei Giudici.

Nell'occasione di questa chiusura del lungarno sono stati programmati alcuni interventi puntuali di ripristino della pavimentazione. I provvedimenti saranno in vigore per la prima fase della lavorazione, ovvero fino all’8 Luglio. Per la seconda fase invece non saranno necessari provvedimenti di circolazione.

La Terrazza, come ogni altro bene all’aperto, soffre per l’esposizione a pioggia, freddo e sole. Le operazioni di restauro prevedono sia il recupero degli elementi lapidei che compongono la balaustra, le cornici, le mensole che sorreggono le volte, gli intonaci, e infine il consolidamento strutturale anche della parte superiore.

Sarà tolta la vegetazione infestante e saranno effettuate operazioni di pulitura a mano e con impacchi chimici. Ove necessario si effettueranno stuccature e sigillature, nonché il consolidamento della muratura. Per operare il consolidamento strutturale si rende necessario provvedere alla rimozione della pavimentazione in pietra della terrazza e del piccolo marciapiede fino alla carreggiata e al consolidamento del sottofondo e del massetto. A intervento eseguito sarà rimesso il lastrico originale. Le finestre sotto le volte saranno dotate di nuove reti antivolatile.

“Da questa Terrazza - ricorda il sindaco Dario Nardella - possiamo godere di una delle viste più suggestive di Ponte Vecchio e dell’Oltrarno fiorentino. Grazie a questi lavori riporteremo allo splendore originario anche le balaustre, i corrimano, gli elementi in pietra ma anche tutta la parte sottostante, invisibile ai più. Non smettiamo così di valorizzare, curare e recuperare il nostro patrimonio artistico e culturale”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dal 2022 alla guida del Consorzio Co&So, presidente di Confcooperative Toscana e vicepresidente nazionale dell'associazione. Cordoglio istituzionale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità