Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:30 METEO:FIRENZE11°18°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Sicilia: auto travolte dal fango a Scordia, si cercano dispersi

Attualità sabato 01 maggio 2021 ore 14:36

"Dove ti senti più sicuro?" protesta del commercio

Manifesti provocatori affissi alle vetrine per la campagna congiunta di Fipe-Confcommercio e Fiepet-Confesercenti in concomitanza con il Primo Maggio



FIRENZE — "Aperti per non chiudere più” è lo slogan che scandisce la campagna congiunta di Fipe-Confcommercio e Fiepet-Confesercenti in concomitanza con il Primo Maggio, festa internazionale del lavoro. 

La protesta si è fatta notare il primo Maggio con le locandine affisse sulle attività di somministrazione. Bar e ristoranti hanno esposto i manifesti preparati a sostegno dei colleghi che non hanno potuto riaprire l'attività perché privi dei requisiti necessari previsti dalle nuove normative sulle riaperture.

Aldo Cursano, vice presidente nazionale della Fipe, ha spiegato "Primo Maggio amaro per 500.000 lavoratori dei pubblici esercizi cui è stato precluso l’esercizio di questo diritto! Per molti, anzi troppi è vietato lavorare!". Cursano ha manifestato dalla sua attività storica in piazza Unità d'Italia a Firenze.

Nelle locandine, affisse in vetrina da migliaia di bar e ristoranti, ci sono alcune immagini provocatorie: l’interno di un locale con il servizio al tavolo e assembramenti in spazi pubblici. Poi, la domanda: “Dove ti senti più sicuro?”

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nuova odissea mattutina per i pendolari diretti al capoluogo. Stamani la ressa impediva il distanziamento. Si sono verificati ritardi di oltre un'ora
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

STOP DEGRADO

Attualità

Cronaca

Attualità