Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:53 METEO:FIRENZE10°13°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 11 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Morte Filippo, principe Carlo: «Il mio papà era una persona molto speciale»

Attualità venerdì 26 febbraio 2021 ore 16:41

Presidio di protesta per i lavoratori dello sport

“Vi siete dimenticati lo sport” Sono circa 2.000 i lavoratori che operano nel settore con contratti di collaborazione o come liberi professionisti



FIRENZE — Protesta stamani a Firenze con un presidio di lavoratori, Nidil Cgil e Slc Cgil davanti allo stadio Artemio Franchi. “Vi siete dimenticati lo sport” questo lo slogan adottato dai manifestanti.

A Firenze sono circa 2.000 i lavoratori che operano nel settore con contratti di collaborazione sportiva o come liberi professionisti a Partita Iva. In tutta Italia sono oltre mezzo milione. 

Motivazioni della protesta e richieste sono state così riassunte dai sindacati "Il 28 Febbraio scade il progetto di riforma del settore, non possiamo permetterci di perdere l’occasione. Chiediamo al Presidente del Consiglio e al Consiglio dei Ministri di non perdere questa occasione, di portare avanti l’iter legislativo della legga delega e di varare la riforma nei tempi utili. Chiediamo anche che venga approvato il prima possibile il Dpcm con le proroghe dei bonus anche per i mesi di Gennaio e Febbraio, e che si metta in atto un piano per le riaperture anche delle attività sportive".

Al presidio hanno fatto visita l’assessore allo sport del Comune di Firenze Cosimo Guccione e del presidente Uisp Marco Ceccantini.

I sindacati hanno aggiunto "Non possiamo permetterci di perdere l’occasione di questa riforma che, seppur da migliorare su vari aspetti, introduce degli elementi di tutela e di diritti fondamentali ad oggi assolutamente assenti: malattia, maternità, congedo parentale, pensione, disoccupazione. Anche sul fronte della parità di genere si perde una battaglia importante perché per la prima volta la riforma porta il professionismo anche nello sport femminile, che vuol dire estendere tutele e diritti anche alle atlete e alle calciatrici".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Due mamme e un uomo sono finiti in arresto per abusi sulle figlie e diffusione su internet le immagini delle violenze. Le bimbe sono in luoghi sicuri
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità