Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:11 METEO:FIRENZE11°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 01 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Letta «Queen maker» scopre le carte: ecco chi è il primo identikit del Pd per la corsa al Colle

Attualità venerdì 15 ottobre 2021 ore 16:07

Un fiocco luminoso rosa e blu per i bebè perduti

neonata

Oggi è la Giornata mondiale sulla perdita perinatale e infantile, che colpisce una donna su 6. La Porta San Niccolò stasera si accende



FIRENZE — Un fiocco luminoso rosa e azzurro stasera accende la Porta San Niccolò per i bebè perduti in gravidanza o subito dopo. Oggi è la Giornata mondiale della consapevolezza sulla perdita perinatale e infantile (‘BabyLoss Awareness Day’) e il Comune di Firenze aderisce all’iniziativa illuminando il varco coi colori simbolo della Giornata. L’illuminazione sarà realizzata a cura di Firenze Smart.

Il 15 Ottobre ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla perdita in gravidanza o dopo la nascita, che colpisce una donna su 6 e che incide profondamente sul benessere bio-psico-sociale delle coppie e delle famiglie. Inoltre ha lo scopo di divulgare la conoscenza dei fattori di rischio modificabili per ridurre le morti perinatali evitabili.

“Celebriamo anche quest’anno la Giornata - ha detto l’assessore a welfare Sara Funaro -. Siamo vicini alle famiglie e alle persone colpite da lutto perinatale e infantile e crediamo che sia importante accendere i riflettori su questo delicato tema. È fondamentale sensibilizzare le persone su questo evento doloroso che, purtroppo, coinvolge tante famiglie e persone, che con la pandemia hanno dovuto sopportare maggiori difficoltà”.

“L’illuminazione di Porta San Niccolò di rosa e azzurro è un gesto simbolico ma molto importante - ha detto dottoressa Francesca Birello, coordinatrice dell’associazione Il Lumicino - con l’obiettivo di far ‘luce’ su un evento doloroso che colpisce tante persone e tante famiglie. In questo anno molto particolare a causa della pandemia da Covid-19 le famiglie colpite da lutto perinatale sono state ancora più in difficoltà. Molte donne a causa delle restrizioni e delle normative anti Covid-19 si sono trovate da sole nelle sale parto senza l’assistenza dei loro compagni, i padri, a dover partorire i loro bambini senza vita”. 

“Abbiamo cercato di dare loro la miglior assistenza e il miglior sostegno possibile attraverso tutti i nostri canali virtuali - ha continuato la dottoressa Birello -, tuttavia siamo ben consapevoli degli effetti traumatici aggiuntivi che la pandemia ha provocato sulle famiglie già duramente colpite dal lutto. Con l’onda di luce desideriamo abbracciare virtualmente tutte le madri, i padri e le famiglie che hanno perso un bambino atteso in un momento di generale difficoltà e di pesanti restrizioni”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A poche ore dal dibattito in Consiglio comunale l'opposizione chiede un tavolo in prefettura per analizzare il fenomeno dei furti sulle auto in sosta
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità