Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:19 METEO:FIRENZE21°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Attualità giovedì 27 maggio 2021 ore 16:48

Porta a porta, bocciata la proposta di revisione

La Commissione ambiente di Palazzo Vecchio ha bocciato la richiesta di revisionare il piano di raccolta dei rifiuti con i cestini domestici



FIRENZE — I residenti nelle zone di Sorgane, il Sodo, il Poggetto, Via Massaia, Via Niccolò da Tolentino e le zone collinari di Careggi hanno manifestato nei mesi scorsi per segnalare le criticità riscontrate nella gestione della raccolta attraverso i contenitori domestici.

A raccogliere le segnalazioni erano stati i consiglieri del Movimento 5 Stelle che hanno presentato una mozione per revisionare il sistema di raccolta sulla base delle richieste dei cittadini, l'atto è stato bocciato.

Cosa conteneva la proposta? "La rivalutazione delle singole zone per il posizionamento e l'utilizzo dei cassonetti smart; assegnazione anche ai destinatari del "porta a porta" della chiavetta A-Pass con libertà di scelta da parte del cittadino di come e dove conferire i rifiuti; individuazione di nuove aree dove installare piccole isole ecologiche con cassonetti a riconoscimento utente; attuazione di un piano per il contrasto all'abbandono dei rifiuti; verifica capillare delle utenze Tari in relazione agli appartamenti abitati; possibilità di un confronto con i cittadini residenti nelle zone oggetto di protesta per trovare ulteriori disponibilità alla libera scelta nella raccolta differenziata"

Il capogruppo del Movimento 5 Stelle Roberto De Blasi ha commentato "Abbiamo cercato di far presente che la giustificazione per l’eventuale aumento dei costi conseguente all’accoglimento delle proposte non regge in quanto chi svolge un servizio “essenziale” per la collettività non deve imporre una scelta, se mai la propone e laddove non fosse condivisa dai cittadini chi amministra dovrebbe avere il compito di ridiscuterla. Inoltre il successo dichiarato dall’amministrazione non trova riscontro oggettivo almeno fino a quanto tutto il territorio cittadino sarà interessato dal progetto Firenze città Circolare. Per noi - hanno concluso i consiglieri De Blasi, Masi, Spennati, Rossi Romanelli e Cipolli - la maggioranza oggi ha perso l’occasione di dare risalto alla voce di quei cittadini che vivendo in zone ad alta densità abitativa, non riusciranno purtroppo a stare dietro ai programmi di Alia perché costretti a vivere in un ambiente domestico malsano dal punto di vista sanitario conseguente alla permanenza di rifiuti maleodoranti e in decomposizione all’interno della propria abitazione”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Vigili del fuoco al lavoro fino a notte fonda per domare l'incendio. Una persona assistita dal personale sanitario del 118
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS