Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 02 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Lukaku in lacrime dà un pugno alla panchina dopo l'eliminazione del Belgio

Cultura domenica 02 gennaio 2022 ore 15:50

Fra arte e devozione, il Museo delle icone russe

Uno degli ambienti dedicati alle icone russe
Uno degli ambienti dedicati alle icone russe

Apre oggi a Palazzo Pitti il nuovo percorso museale permanente che ospita 78 gioielli d'arte sacra ortodossa realizzati tra il 1500 e il 1700



FIRENZE — Sono 78 perle d'arte religiosa russa realizzate fra il 1500 e il 1700 e adesso sono protagoniste di un nuovo allestimento curato dall'architetto Mauro Linari negli spazi dell'altrettanto nuovo Museo delle Icone Russe di Firenze, realizzato a Palazzo Pitti e inaugurato oggi.

Nella collezione trovano posto tra gli altri il Menologio, il calendario delle festività religiose ortodosse, l'icona con Santa Caterina d'Alessandria databile al 1693-1694, quella settecentesca della Madre di Dio di Tichvin firmata da Vasilij Grjaznov, replica dell'immagine miracolosa che secondo la tradizione apparve nel 1383 a Tichvin. 

L'esposizione è un florilegio mozzafiato in bilico tra arte e devozione. I pezzi esposti sono per lo più di medie e piccole dimensioni e sono parte di una raccolta avviata già dai Medici e poi portata avanti dai Lorena. Si tratta della collezione più antica del genere al mondo fuori dalla Russia.

L'allestimento è collocato nelle quattro grandi sale decorate con affreschi seicenteschi affacciate sul cortile al piano terra di Palazzo Pitti, tutti spazi appena restaurati che entreranno a far parte del normale percorso di visita e fino a ora mai aperti al pubblico regolarmente. 

Oggi a visitare il nuovo percorso museale è arrivato, accompagnato dal direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt, il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani: "E’ da sottolineare - ha evidenziato - l’origine granducale di questa collezione, un tesoro che mostra le relazioni internazionali tra il Granducato di Toscana e la Russia di Pietro il Grande, nell’età in cui questa si apriva alla cultura occidentale, una testimonianza del ruolo fondamentale svolto dalla Toscana tra la fine del ‘600 e la prima metà ‘700".

Il presidente Giani e il direttore Schmidt nel nuovo Museo

Il presidente Giani e il direttore Schmidt

Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un nuovo colpo nel cuore della notte ai danni di una attività commerciale, stavolta a segnalarlo sono stati i Cittadini Attivi di San Jacopino
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Attualità