Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:19 METEO:FIRENZE21°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Attualità lunedì 13 settembre 2021 ore 12:03

Pieraccioni rende virale la "forca a Boboli"

Il regista toscano ha pubblicato sui social un elogio della "forca" la mancata presenza a scuola per trascorrere le giornate al Giardino di Boboli



FIRENZE — Il Giardino di Boboli luogo prediletto per fuggire dalle lezioni scolastiche, un must per i fiorentini ma a far diventare virale la classica "forca" ci ha pensato il regista Leonardo Pieraccioni.

Con un post sui social l'amato regista, attore e scrittore si è confermato anche influencer ed ha reso virale "fare forca" suggerendo la sua meta preferita, il Giardino di Boboli delle Gallerie degli Uffizi di Firenze.

"Stanno riaprendo le scuole, parliamo di cose serie. A Firenze quando si salta la scuola si dice “fare forca”, ma ce ne sono altri 100 modi di dire" questo l'incipit che da solo ha scatenato la corsa ai modi di dire dialettali.

"Pare che adesso - continua il post - se l’alunno è assente, si avverta subito i genitori con un sms. Questa cosa non è bella, è da spioni! Rivendico il diritto sacrosanto di almeno quattro forche in un anno! La forca ti forma, è un momento catartico, di puerile rivoluzione ma sempre di rivoluzione si tratta. Io arrivavo davanti a scuola e all’improvviso, perché la vera forca non è mai programmata, sentivo le sirene di Ulisse che mi chiamavano dal Giardino di Boboli, all’epoca il Guantanamo dei ripetenti. La forca doc si fa da soli. Io davanti al cancello di Periti aziendali e corrispondenti in lingue estere sentivo rimbombarmi in capo un “come hereeee” ed a tutto foho sgassavo col mio Ciao pk blu verso il mitologico Giardino. A Novembre fermi su quelle panchine ghiacce si congelava, ma c’erano i tetti di Firenze davanti che ti scaldavano. Io mi accendevo inventandomi e fantasticando sulle vite di quelli che vivevano sotto quei tetti e spesso la forca ghiaccia e in solitaria era tanto più poetica e creativa di una lezzione d’itagliano!". 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Vigili del fuoco al lavoro fino a notte fonda per domare l'incendio. Una persona assistita dal personale sanitario del 118
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS