Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:FIRENZE19°27°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 06 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Vaccini, Speranza: «Unico strumento per chiudere questa stagione difficile»

Attualità mercoledì 14 settembre 2016 ore 11:34

Palazzi troppo fragili per reggere ai terremoti

Il fragile patrimonio edilizio a Firenze è in gran parte anteriore al '900 e i palazzi più nuovi risalgono a ormai ai diversi decenni fa



FIRENZE — Se ne parla sempre a posteriori, cioè dopo che un sisma ha colpito e distrutto in qualche altra parte d'Italia. A dirlo stavolta è l'associazione dei periti e degli esperti della Toscana che rinnova l'invito a mettere davvero in sicurezza gli edifici per evitare danni gravi e morte in caso di calamità come quella che ha devastato l'Italia centrale. 

Inimmaginabile, spiega l'associazione, quello che potrebbe accadere se Firenze e la Toscana dovessero essere interessate da un sisma simile a quello che ha colpito Amatrice e le zone circostanti. La ragione sta nei numeri:  gran parte dei 2.084.630 immobili residenziali schedati dalla Regione in Toscana nel 2012,di cui 507.27 a Firenze, sono stati costruiti diversi decenni fa, e sono tra quelli più nuovi considerato che nella zona centrale molte edificazioni sono precedenti al ‘900. 

Il fatto che il patrimonio edilizio sia ben conservato e ben tenuto non significa che sia a norma e a prova di terremoti. In altre parole, se anche sotto il profilo dell'impiantistica la situazione è positiva, sotto quello delle normative antisismiche le cose stanno in tutt'altro modo. 

Il presidente dell'associazione dei periti e esperti della Toscana Franco Pagani ricorda  che "troppo spesso purtroppo, interviene in questi casi ‘dopo’, cioè per l’accertamento dei danni e delle responsabilità per conto della autorità giudiziaria. E’ ipotizzabile intervenire con interventi di miglioramento organizzati in più fasi successive e sovrapponibili fra loro aventi la finalità di migliorare la risposta sismica dell’edificio”.

Resta però il problema di operare in contesti storici come, ad esempio, il centro di Firenze. "Per questo - spiega l'associazione - se vogliamo davvero che le nostre città procedano sulla strada di un miglioramento o adeguamento antisismico è necessario provvedere con interventi pubblici di sostegno, individuando le misure da prendere anche sotto forma di defiscalizzazione. Secondo le ultime notizie la Regione ha approvato i criteri per distribuire 22 milioni per la difesa del suolo e gli interventi antisismici. Di questi agli alloggi privati sarebbe destinato solo il 20 per cento".

“Oltre l’80 per cento dei toscani abita in condominio e considerato che interventi del genere devono essere gestiti nell’interesse comune - dichiara il presidente nazionale di Confartamministratori Alessandro Ferrari - chiediamo alla Regione un confronto su base tecnica per condividere quali possono essere le operazioni da effettuare nelle situazioni tipo, a seconda della fascia di rischio in cui gli edifici si trovano, e rendere gli amministratori condominiali in grado di poter illustrare poi la situazione a proprietari e affittuari delle unità immobiliari”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Oltre agli attrezzi da scasso, due fermati avevano proprio feltrini e fascette. L'ipotesi di polizia è che servissero a contrassegnare gli obiettivi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Sport

Attualità

Attualità