Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°35°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 30 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Scherma, Di Francisca: «Errigo emotiva». Velasco: «Dichiarazioni disgustose»

Attualità mercoledì 16 giugno 2021 ore 17:16

Nuovo stadio Franchi, ecco cosa c'è nel bando

Il sindaco ha reso noti tutti i dettagli sulle strutture da salvaguardare, le opere da demolire e le destinazioni d'uso delle aree di Campo di Marte



FIRENZE — Il bando per il concorso internazionale di progettazione per la riqualificazione dello stadio di Pier Luigi Nervi e dell’area di Campo di Marte è stato presentato sulla piattaforma online dell’Associazione della Stampa Estera in Italia ed inviato per la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Ue. Sarà visionabile online da venerdì sulla piattaforma dell’Ordine degli Architetti.

"Nel 2026 la Fiorentina compirà 100 anni. L’occasione ideale per celebrare il centenario viola è l’inaugurazione del nuovo stadio Franchi” così il sindaco di Firenze Dario Nardella ha concluso la presentazione.

Il nuovo stadio sarà un hub capace di generare crescita economica e posti di lavoro: si stima l’attivazione di 1500 posti di lavoro diretti e 3500 su tutta l’area.

Ecco cosa prevede il bando per salvaguardie e demolizioni e destinazioni d'uso.

Lo stadio dovrà avere una capienza netta di 40mila posti. Tra i requisiti del masterplan c’è la conservazione dell’esistente: ad esempio sono consentite curve nuove interne che andrebbero ad aggiungersi alle preesistenti, a ridosso del campo di gioco, e si potranno creare nuovi volumi coperti. E’ prevista la copertura di tutti i posti a sedere. La torre Maratona inclusa la scala e le 2 scale disposte agli angoli dovranno essere mantenute. La struttura generale delle tribune e la visuale esterna delle stesse dovranno essere mantenute, comprese le gradinate. Sarà possibile prevedere una riqualificazione delle gradinate e degli spazi interni. La piscina e la palestra disposte sotto la Maratona potranno essere demolite ma ricollocate all'interno del perimetro del masterplan. Questo spazio potrebbe essere trasformato in un parcheggio sotterraneo di circa 150 posti. Il parterre realizzato negli anni ’90 potrà essere demolito. La struttura generale, il tetto e la facciata della tribuna principale dovranno essere conservati. Gli interni della tribuna principale potranno essere rinnovati conservando la struttura generale. La tribuna parterre di fronte alla tribuna principale potrà essere demolita. L'edificio prefabbricato disposto accanto alla tribuna principale dovrà essere demolito. Quanto alle due curve, la struttura generale delle tribune e l’aspetto esterno dovranno essere mantenuti, inclusi la struttura e gli elementi delle sedute. È consentito il rifacimento delle gradinate e la ristrutturazione di tutti gli spazi interni. I parterre costruiti in occasione della Coppa del Mondo del 1990 potranno essere demoliti. Il grande schermo a LED e i riflettori potranno essere demoliti e dovranno essere sostituiti con istallazioni moderne.

Tra i punti fondamentali del concorso di progettazione c’è la sostenibilità ambientale: uno stadio moderno e sostenibile, con la riduzione dei consumi energetici e l’utilizzo di sistemi ad alta efficienza energetica.

All’interno dello stadio potranno essere inserite le seguenti funzioni: spazi per ospitalità - aree lounge; skybox; aree per media ed eventi; punti ristoro e ristoranti; polo museale del calcio; Fiorentina store; parcheggio hospitality; nursery. Quanto alle nuove funzioni da inserire nell’area adiacente allo stadio sono previsti 15mila metri quadrati che si articoleranno in direzionale, commerciale e turistico/ricettivo.

Il concorso non riguarda solo lo stadio ma un progetto più vasto di riqualificazione complessiva di tutta l’area di Campo di Marte

 “Vogliamo creare- ha spiegato il sindaco - un nuovo spazio sportivo culturale e sociale che valorizzi tutto il quartiere e sia fruibile non solo in occasione degli eventi sportivi, ma sette giorni su sette”. “Sono già stanziati i fondi – ha ricordato Nardella – per la realizzazione della linea tramviaria da piazza Libertà a Campo di Marte, che viaggerà con una frequenza di un tram ogni 4 minuti in entrambe le direzioni e sarà connessa a tutte le altre linee della città, compresa quella che condurrà al Viola Park di Bagno a Ripoli. E’ poi di grande rilevanza il parcheggio nuovo da 3000 posti, che sarà realizzato nell’area ferroviaria di Campo di Marte per un costo di 30 milioni di euro. Queste nuove infrastrutture contribuiranno alla rinascita dell’intera area di Campo di Marte insieme alla riprogettazione degli spazi verdi, la riqualificazione dei percorsi pedonali e ciclabili, la semi-pedonalizzazione di viale Paoli, il completamento del sottopasso pedonale tra via Mannelli e Largo Gennarelli, la riqualificazione degli impianti sportivi dell’area di Campo di Marte, l’inserimento di nuove funzioni ricettive, commerciali, direzionali".

Alla conferenza stampa di presentazione del bando hanno partecipato anche il presidente della Camera di Commercio di Firenze Leonardo Bassilichi, il presidente della Fondazione CR Firenze Luigi Salvadori e il direttore regionale Toscana e Umbria Intesa Sanpaolo Luca Severini.

Secondo Bassilichi “l’intervento per il nuovo stadio porterà benefici in termini di incremento del PIL e di domanda di lavoro sia in fase di costruzione, sia quando sarà a regime. Nel quartiere 2 oggi ci sono 11.747 imprese attive che occupano circa 36 mila addetti, generando 2,8 miliardi di PIL. Proprio per il tessuto produttivo presente è stimabile che molta della ricchezza che si produrrà resterà sul territorio, non solo del quartiere ma di tutta la città metropolitana grazie a effetti di spillover sull’intero sistema di produzione. E per essere sicuri che ciò avvenga abbiamo chiesto che nella commissione ci sia anche un economista. Inoltre le infrastrutture di mobilità che verranno ottimizzate per il progetto costituiranno un miglioramento generale per la fluidità dell’accessibilità cittadina”.

Il presidente Luigi Salvadori "In questi ultimi anni la Fondazione Cassa di Risparmio ha sempre sostenuto con grandissimo interesse operazioni che avessero come scopo la riqualificazione di parti importanti del territorio. E questo è uno dei più rilevanti per il futuro di Firenze perché ridisegna uno dei suoi quartieri più vivaci ed economicamente significativi. Siamo anche lieti di avere ancora una volta assieme a noi Intesa Sanpaolo con cui la Fondazione sta formando una squadra affiata e di primissimo livello, capace di ideare e promuovere progetti di alto profilo". “Intesa Sanpaolo, storicamente legata a Firenze - ha aggiunto il direttore Luca Severini - parteciperà con un contributo che si affiancherà a quello di Fondazione CR Firenze, con la quale da sempre condivide idee e progettualità ad elevato impatto sociale e sostenibile”.

"Abbiamo previsto un importo massimo dell'investimento di 190 milioni iva inclusa per tutto l'intervento, stadio e funzioni esterne collegate, di cui 137,5 milioni compresa iva solo per l'intervento sullo stadio", ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella. Al vincitore del concorso – a cui andrà un premio di 1.252.000 euro al netto dell’iva - potranno essere affidati la progettazione definitiva e la progettazione esecutiva e direzionale dei lavori.

Il concorso di progettazione avrà un primo grado che si concluderà con la selezione delle migliori 8 proposte e un secondo grado in cui sarà scelto il progetto migliore. Gli altri 7 avranno un rimborso spese di 58.500 euro.

La Commissione giudicatrice, unica nel primo e nel secondo grado, sarà composta da un numero compreso fra 5 e 9 membri effettivi (almeno tre con laurea tecnica) tra cui: un esperto di urbanistica, un esperto di architettura del paesaggio, un esperto di restauro di strutture complesse in cemento armato, un esperto con specifiche competenze storico-critiche per la lettura e interpretazione dei valori propri della struttura preesistente, un esperto di luoghi della cultura, un esperto in gestione di impianti sportivi, un esperto del mondo del calcio.

Per partecipare al concorso, i soggetti interessati dovranno dimostrare di avere requisiti di capacità economico–finanziaria pari a 8 milioni di fatturato nei 3 migliori anni degli ultimi 5, e dovranno costituire un gruppo di lavoro composto tra l’altro da: progettista architettonico, esperto di restauro moderno, esperto delle strutture, esperto di impianti.

Il cronoprogramma del concorso internazionale di progettazione parte dalla pubblicazione del bando. Dopo 80 giorni è prevista la scadenza della presentazione delle proposte progettuali e la nomina della commissione per la prima fase, che sarà effettuata nelle prossime settimane. Entro i successivi 40 giorni la commissione dovrà individuare le migliori proposte progettuali presentate e formulerà la richiesta di sviluppo ai migliori nella ulteriore fase di progettazione. Poi è prevista la definizione dei gruppi di progettazione per coloro che sono ammessi al secondo grado (15 giorni), la consegna degli elaborati progettuali a livello di studio di fattibilità tecnico-economico (90 giorni). Altri 40 giorni sono infine da calcolare per la conclusione dei lavori della commissione giudicatrice e l’individuazione del progetto migliore.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il corpo ormai senza vita rinvenuto la notte scorsa nei pressi degli orti sociali è di un uomo che era privo di documenti. Indaga la polizia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità