QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 11° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 12 novembre 2019

Attualità giovedì 26 settembre 2019 ore 17:01

Nuovi ponti in Arno, i casi di Vallina e Bellariva

Nell'area a sud del capoluogo tengono banco due dibattiti sugli scavalchi del fiume, uno atteso da anni ed uno imprevisto fino a qualche anno fa



FIRENZE — Una partita doppia sulle infrastrutture si sta giocando tra Firenze e Bagno a Ripoli. Mentre i residenti di Vallina sono scesi in strada al fianco del primo cittadino per chiedere a gran voce il Doppio Ponte (vedere articoli collegati), a Bellariva i residenti continuano a nutrire dubbi sull'infrastruttura legata al prolungamento della linea tramviaria che collegherà il centro città con Bagno a Ripoli. In entrambi i casi si tratta di attraversamenti destinati al traffico privato e pubblico su gomma, con l'opportunità di prevedere percorsi ciclabili.

Lungo il corso dell'Arno ci sono residenti che sollecitano l'apertura dei cantieri ed altri che si augurano un ripensamento da parte dell'amministrazione. Per l'abitato di Vallina il Doppio Ponte rappresenterebbe una liberazione dopo anni di congestione pericolosa sulla via di Rosano, direttrice dall'alto tasso di incidentalità anche mortale. A Bellariva gli abitanti hanno paura, invece, di perdere il camminamento sull'Arno, e con questo la natura stessa dell'identità toponomastica della "bella riva" oltre a dover fare i conti con l'impatto urbanistico di uno svincolo stradale, a cominciare dagli effetti sulla Scuola Pilati. Le corsie del ponte andrebbero a raccogliere il traffico di via Lapo da Castiglionchio per portarle in via Minghetti e viceversa, interessando così il Lungarno Colombo e via Villamagna come svincoli di scorrimento in entrata ed in uscita città. 

I rendering acquistano dunque una doppia valenza, se i pendolari della Valdisieve trovano solo vantaggi nel bypass tra i territori di Pontassieve, Fiesole e Bagno a Ripoli, i residenti di Bellariva, ancor più che quelli di Gavinana, contano i metri di argine che saranno coperti dalle volte del nuovo ponte, la riduzione della passeggiata sul lato Albereta e sul lato delle Ville sull'Arno, ex dimore dei Macchiaioli. 

A distanza di secoli dai primi insediamenti urbani la mobilità sulle opposte rive del fiume e la necessità di creare collegamenti strategici tra le sponde continua a far discutere i fiorentini.



Tag

«Così la ‘Ndrangheta arruola i bambini soldato»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Cronaca

Cronaca