Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:25 METEO:FIRENZE14°26°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 22 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Afghanistan e Libia: tutte le armi in mano ai terroristi islamici. Come possono usarle

Attualità giovedì 06 maggio 2021 ore 16:13

Nuovi attrezzi per le palestre di Sollicciano

Panche per il potenziamento muscolare, cyclette e macchine multifunzione sono alcune delle dotazioni consegnate alle palestre del carcere fiorentino



FIRENZE — Cyclette, macchine multifunzione e panche per il potenziamento muscolare ma anche palloni da calcio, racchette da tennis tavolo, cerchi per la ginnastica sono le nuove dotazioni per le palestre maschile e femminile allestite all'interno del carcere di Sollicciano dove i detenuti svolgono attività fisica nell’ambito del progetto Uisp “Sport in libertà”.

La consegna dall'assessore allo sport Cosimo Guccione al garante dei detenuti Eros Cruccolini. Con loro c’erano la direttrice del carcere, Antonella Tuoni, e il presidente di Uisp comitato di Firenze Marco Ceccantini.

“Un modo per stimolare movimento, attività sportiva e benessere psicofisico dei detenuti - ha sottolineato l'assessore Guccione - vogliamo offrire un'opportunità per favorire l’umanizzazione della pena, così come stabilisce la Costituzione. E proprio le attività ricreative, tra cui lo sport, sono considerate dal 1975, anno della riforma dell’ordinamento penitenziario, uno dei pilastri del trattamento penitenziario che dovrebbe ottenere la rieducazione del condannato”. “Attività fisica come spazio di libertà - ha aggiunto - ma anche come momento di socializzazione e convivenza, di confronto e di crescita”.

Il presidente Marco Ceccantini ha ricordato come da molti anni Uisp porta avanti tutti i giorni il progetto che consente ai detenuti di svolgere attività fisica in palestra e negli spazi verdi del carcere. L’iniziativa, seppur ridotta nel periodo dell’emergenza Covid, non si è mai interrotta grazie alla presenza di un presidio sanitario interno alla casa circondariale.

“Abbiamo continuato a operare in carcere in questo periodo -ha aggiunto Ceccantini- ritenendo l’attività motoria fondamentale per il benessere psicofisico delle persone recluse e soprattutto un valido contributo per superare questo difficile momento nel miglior modo possibile. Ringrazio il Comune per l’impegno nell’investire risorse, seppur limitate, per l’acquisto di nuovi macchinari al fine di sostituire quelli già esistenti, ormai obsoleti”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' la domanda presentata al Consiglio comunale che ha discusso l'argomento sul divieto di sosta e la rimozione in occasione del servizio di pulizia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca