comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:06 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 19 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Salvini: «Alcuni responsabili mi hanno detto ‘Mi hanno promesso un ministero'»

Attualità venerdì 29 novembre 2019 ore 17:56

Nuovi alloggi popolari in legno sull'area demolita

Sei edifici risalenti agli anni '50 sono stati demoliti per fare spazio a nuove strutture in legno che saranno assegnate in base ai bandi per la casa



FIRENZE — Sopralluogo degli assessori alla casa della Regione Toscana e del Comune di Firenze, Vincenzo Ceccarelli e Andrea Vannucci, al cantiere per la realizzazione di 88 nuovi alloggi di edilizia popolare in via Torre degli Agli a Firenze. Gli assessori, assieme al presidente di Casa Spa Luca Talluri, hanno valutato l’avanzamento dei lavori, la cui fine è prevista per giugno 2020.

I nuovi edifici di sette piani "sono realizzati in legno massiccio a strati incrociati come in viale Giannotti con una notevole coibentazione e l’adozione di un sistema impiantistico coordinato per riscaldamento e raffrescamento, tutto basato su fonti rinnovabili; i sistemi sono in linea con quelli che sono gli standard del futuro, ovvero ridottissima necessità di energia, prodotta da fonti rinnovabili". Alla demolizione dei vecchi edifici che versavano in condizioni statiche critiche sono stati spostati i sottoservizi che intersecavano l’area e sono poi stati scavati due piani interrati per i posti auto e i nuovi servizi tecnologici.

L’intervento rientra nel Piano regolatore a volume zero, dove si interviene con nuovi investimenti pubblici sul cosiddetto ‘già costruito’. Gli alloggi in legno sono ad altissima efficienza energetica ovvero a consumo energetico quasi pari a zero e vanno a prendere il posto del vecchio complesso interamente demolito realizzato nei primi anni cinquanta e composto da sei edifici per 64 alloggi.

“Gli alloggi erp di via Torre degli Agli sono una grande opera di rigenerazione urbana - ha detto l’assessore Vannucci -. Questo cantiere è un modello di edilizia residenziale pubblica amica dell’ambiente: gli 88 alloggi avranno infatti consumi prossimi allo zero e molto ridotti rispetto ai consumi canonici dei normali condomini”. “Siamo di fronte a un edificio innovativo, all’avanguardia, sia per la scelta dei materiali utilizzati per la costruzione che per le soluzioni progettuali individuate - ha continuato Vannucci -, che puntano ad abbattere i consumi pro capite delle persone che ci vivranno attraverso una ottimizzazione delle fonti energetiche naturali, a partire dal sole. Questo edifico favorisce inoltre la socialità dei residenti dal momento che al piano terra sono previsti spazi comuni, che non erano presenti nell’edilizia residenziale pubblica anni '70”.

“Si tratta di un intervento altamente innovativo, che la Regione ha finanziato con 11 milioni di euro - ha spiegato Ceccarelli -. In questo progetto l’aumento e la modernizzazione del patrimonio erp si sommano alla rigenerazione urbana. Al posto di un vecchio edificio degradato con 60 appartamenti vengono realizzati 88 nuovi alloggi su 6 piani, a bassissime emissioni, dotati di impianti ad energia solare, struttura in legno e tanti altri accorgimenti di ultima generazione”. “La Regione - ha aggiunto l’assessore - negli ultimi cinque anni ha investito ben 120 milioni di euro sulla costruzione di nuovi alloggi popolari, puntando alla qualità e dal risparmio energetico oltre che alla quantità”.

Il complessivo investimento regionale sulla zona di Torre degli Agli ammonta a 20 milioni circa: 11 milioni utilizzati per il nuovo complesso (che aumenta del 30% circa la capacità abitativa dell'immobile), gli altri destinati alla demolizione nelle case precedenti, alla costruzione di 18 alloggi smontabili situati nel vicino viale Guidoni ed al ripristino di altri alloggi destinati agli assegnatari nei precedenti appartamenti.

“La Toscana - ha concluso Ceccarelli - destinerà all'edilizia popolare risorse importanti anche in futuro, circa 5 milioni per nuovi investimenti e 10 milioni all’anno finalizzati alla ristrutturazione degli alloggi di risulta, che così potranno essere riassegnati. A queste risorse si aggiungeranno inoltre quelle nazionali, ora che la casa è stata finalmente reinserita tra le priorità del Governo, che ha varato un Piano casa da 800 milioni a livello nazionale, dei quali ci aspettiamo che circa 50 vengano destinati alla Toscana”.

“Si tratta di un intervento molto importante e altamente innovativo - ha detto il presidente di Casa spa Talluri -, sia da un punto di vista urbanistico sia da un punto di vista energetico, perché si tratta di una costruzione in legno, in classe A. Questi 88 alloggi, costruiti su 6 piani, sono il perfetto esempio di come si possa avere altissima qualità, a costi ragionevoli. Il futuro delle case popolari passa da esempi come questo: demolire costruzioni vecchie, arrivate alla fine del ciclo di vita e ricostruire, aumentando il numero degli alloggi. Oltre a questo è importante anche il recupero delle aree dismesse, dalle quali può arrivare un prezioso contributo per l’intero sistema erp”.



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca