Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE10°13°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 26 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Ischia, l'enorme squarcio che si è aperto sulla montagna: la frana vista dall'alto

Attualità venerdì 14 febbraio 2020 ore 14:26

San Valentino, sindaco al violino per gli auguri

Il sindaco Dario Nardella ha ricordato Narciso Parigi ed ha suonato al violino ‘La porti un bacione a Firenze’ nel giorno di San Valentino



FIRENZE — Il sindaco Dario Nardella ha accolto oltre 300 coppie di sposi che quest’anno festeggiano le nozze d’oro e che questa mattina erano nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio per festeggiare San Valentino con l’iniziativa ‘Nozze d’oro a Palazzo Vecchio’. Nel pomeriggio ci sarà il secondo turno della’iniziativa, alla quale parteciperanno altrettante coppie.

“Siete un esempio. Con la vostra esperienza potete ispirare tanti giovani. Mi affido a voi affinché possiate infondere loro tanto coraggio per vivere il matrimonio, che è un progetto di vita importante. In una società in cui si fa tutto e subito, in cui ci si annoia e si consuma tutto velocemente non abbiamo la forza, la pazienza, la determinazione e la passione di portare avanti progetti per tutta la vita, quasi spaventano. È importante invece affrontare e superare insieme le difficoltà e i problemi che la vita presenta. E i vostri 50 anni insieme ci dimostrano che è possibile”. “Oggi più di ieri è difficile costruire qualcosa per tutta la vita - ha continuato Nardella -. L’Italia del dopoguerra non era un’Italia in una buona salute, ma nonostante i tanti problemi economici c’erano fiducia, speranza e voglia di futuro. L’Italia di oggi è molto più ricca eppure c’è meno fiducia e meno speranza. Credo, quindi, che sia importante parlarsi, ascoltarsi, prendere esempio dagli altri e confrontarsi”. Il sindaco, rivolgendosi alle coppie presenti nel Salone dei Cinquecento, ha chiesto di “contagiare i concittadini più giovani di quella speranza e di quella fiducia che nutrivate e nutrite ancora”.

Durante la cerimonia Nardella ha ricordato Narciso Parigi, scomparso poco meno di un mese fa, e ha suonato al violino la canzone ‘La porti un bacione a Firenze’, dedicandola a Parigi e agli sposi d’oro. “Volevo molto bene a Narciso con cui condividevo l’amore per la musica”, ha dichiarato il sindaco. Nel suo intervento Nardella ha citato anche Dante Alighieri che nella Divina Commedia parla molto di amore: “Io festeggio i vostri cuori gentili - ha detto rivolgendosi alle coppie - che si sono lasciati conquistare in modo profondo e perdurante dall’amore, che poi si trasforma nel corso del tempo e si arricchisce di complicità, comprensione, amicizia”. “La cosa più bella è che noi abbiamo il privilegio di vivere a Firenze - ha affermato Nardella - e anche la bellezza di questa città fa da cornice al nostro amore e al nostro progetto di vita. Io credo al fatto che alcune città abbiano uno spirito particolare. Non a caso Giorgio la Pira definiva Firenze la seconda Gerusalemme”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Notte di ricerche da parte dei vigili del fuoco dopo la segnalazione, nella serata di giovedì, per una persona caduta al Ponte alla Vittoria
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Politica