Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:17 METEO:FIRENZE24°35°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 28 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
L'attacco al centro commerciale di Kremenchuk visto dalle telecamere di sorveglianza

Cronaca mercoledì 27 aprile 2022 ore 14:53

No vax aggrediscono volontario della Misericordia

divisa della misericordia

Tre contro uno l'hanno preso a botte, puntando a lui proprio perché indossava la divisa con cui aveva prestato servizio alla collettività



FIRENZE — L'hanno aggredito e pestato a sangue in mezzo di strada. Vittima un volontario della Misericordia, 59 anni, preso di mira da 3 persone che lo hanno accusato di essere "schiavo del sistema" e che lo hanno preso di mira proprio perché indossava la divisa della Misericordia, quella con cui presta servizio alla collettività.

A raccontare l'episodio è lo stesso volontario attraverso Facebook: "In tre contro uno provo solo tanta pena", scrive pubblicando la foto del suo volto coi segni dell'aggressione subita.

Il Coordinamento delle Misericordie dell'Area Fiorentina è intervenuto per voce del presidente, Andrea Ceccherini, esprimendo "piena solidarietà e massima vicinanza a Dino della Misericordia di Badia a Ripoli aggredito dai no vax. Un episodio gravissimo che vogliamo condannare con forza". 

"L'aggressione non è un episodio isolato - ha sottolineato Ceccherini - qui c'è una aggravante inquietante prendere di mira una persona che si mette a disposizione della comunità in modo spontaneo e gratuito".

Solidarietà al volontario è espressa dal sindaco di Firenze Dario Nardella che ha espresso aspra condanna dell'aggressione, e sulla stessa linea è intervenuta l'assessore al welfare del Comune di Firenze Sara Funaro: “La violenza non appartiene alla nostra comunità e la condanniamo in qualunque forma si verifichi. Compiere gesti violenti ai danni di una persona che indossa una divisa con la quale svolge attività a favore delle persone più fragili e in difficoltà è un atto meschino”, sono le sue parole.

L'assessore regionale alla sanità Simone Bezzini ha parlato di "atto gravissimo da condannare con forza" e di "episodio di inciviltà non giustificabile". "L’impegno del volontariato è stato ed è fondamentale anche nella lotta al Covid - ha aggiunto - lungo tutta la filiera sanitaria di contrasto al virus e nella campagna di vaccinazione, che resta lo strumento più forte a nostra disposizione per fronteggiare gli effetti della pandemia. I vaccini salvano la vita. Il mio appello è a vaccinarsi tutti e per chi può a fare subito la quarta dose”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il Comune accoglie l'invito dell’Autorità idrica Toscana: stop all'uso dell'acqua potabile per scopi diversi da quelli igienico-domestici
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità