Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:45 METEO:FIRENZE17°23°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 21 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Allegri furioso a fine partita, la frase urlata uscendo dal campo: «E vogliono giocare nella Juve»

Attualità sabato 22 maggio 2021 ore 20:10

"No al resort" presidio a Costa San Giorgio

Un presidio organizzato contro l'operazione di trasformazione edilizia dell'ex Caserma Vittorio Veneto di Costa San Giorgio in un albergo



FIRENZE — La riqualificazione di Costa San Giorgio, dove ha sede l'immobile che ospitava la ex Caserma Vittorio Veneto e dove è prevista la realizzazione di un lussuoso albergo, è tornata al centro dell'attenzione culturale ma anche sociale. Lo hanno ribadito i cittadini che hanno organizzato un presidio contro la trasformazione edilizia.

Firenze Città Aperta, Sinistra Progetto Comune, Casa del Popolo Url San Niccolò, Comitato Tutela Ex Manifattura Tabacchi, Confederazione USB Firenze, Laboratorio perUnaltracitta, Legambiente Firenze, Possibile, Potere al Popolo, Partito della Rifondazione Comunista, Progetto Firenze, Sinistra Italiana e Comitato San Salvi chi può, sono queste le sigle associative che hanno promosso il presidio che si è tenuto questa mattina sulla collina panoramica.

Le associazioni che hanno dato vita al presidio hanno spiegato in una nota congiunta "Dobbiamo opporci e non fare passare sotto silenzio l’ennesima svendita di pezzi
storici della nostra città ad uso e consumo di investitori internazionali e super ricchi. È un progetto che regala ad investitori internazionali un pezzo bellissimo della nostra città e che potrà creare gravi danni alla vivibilità dell’intera area. È un intervento che non garantirà l’accesso libero e pubblico alle meraviglie che contiene il complesso. La proprietà pensa di avere risolto ogni problema, avendo l’assenso della giunta e la Variante urbanistica. Non vogliono discussione e non vogliono partecipazione, per questo hanno ostacolato la richiesta di percorso partecipativo presentata con centinaia firme di residenti. Ma il progetto può essere ancora fermato. Lo dimostra la richiesta fatta dalla giunta alla Soprintendenza di una servitù di passo da Forte Belvedere, per consentire il transito di camion mattina e sera. La Giunta ammette che è l’unica soluzione possibile per far funzionare il resort senza sovraccaricare un’area già satura di traffico".

L'Associazione Idra che ha portato avanti la richiesta di un Laboratorio Belvedere per avviare la partecipazione urbanistica sulla trasformazione dell'area ha puntato il dito sull'aspetto storico, culturale e paesaggistico dell'ex Sanatorio Militare e per venerdì 28 Maggio dalle 11 a 13 in piazza della Signoria ha organizzato una mattinata di confronto attraverso una maratona di interventi sugli aspetti tecnici e culturali dell'operazione di riqualificazione. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono state spogliate nella notte le fioriere di una attività commerciale allestite per delimitare lo spazio esterno concesso dal Comune di Firenze
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca