Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:22 METEO:FIRENZE20°33°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 17 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Euro2020, paracadutista sullo stadio prima di Germania-Francia: urta un cavo e rischia finire sulle tribune

Attualità mercoledì 12 maggio 2021 ore 19:45

Morte Arfaoui, arresto cardiaco, esclusa asfissia

La perizia disposta dal gip escluderebbe l'asfissia come causa della morte del giovane tunisino deceduto per un malore durante un fermo di polizia



FIRENZE — Il giovane tunisino di 31 anni, Arafet Arfaoui, non sarebbe morto per una asfissia, ad escluderlo è stata la perizia disposta dal gip e discussa durante l'incidente probatorio del 7 Maggio scorso.

Secondo il perito ad uccidere Arfaoui sarebbe stato un arresto cardiocircolatorio dovuto ad una intossicazione per l'assunzione di un mix di cocaina ed alcol.

Il gip aveva richiesto l'accertamento medico per stabilire se la condotta dei poliziotti avesse interferito in qualche modo e fosse stata causa o concausa del decesso. Sempre la perizia ha riscontrato il rispetto dei protocolli di soccorso da parte dei sanitari.

Gli indagati nell'inchiesta aperta per la morte del giovane, avvenuta ad Empoli il 16 Gennaio del 2019, sono cinque poliziotti, il medico e l'infermiera intervenuti all'interno del money transfer dove Arfaoui è stato fermato e dove è stato soccorso.   

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'autista avrebbe perso il controllo del mezzo pubblico che si è schiantato contro la pedana di un ristorante distruggendola completamente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità