Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:FIRENZE19°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 16 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Canarie: terremoto di magnitudo 4,5 provoca nuovo fiume di lava, altri 300 evacuati

Cronaca sabato 15 dicembre 2018 ore 18:36

Malore agli Uffizi, non è il primo caso

Lo afferma il direttore Eike Schmidt dopo il caso avvenuto oggi: "Svariati casi di fronte ad alcuni dei 'pesi massimi' della nostra galleria"



FIRENZE — Un turista di 70 anni oggi ha accusato un malore nella Galleria degli Uffizi. Si è accasciato a terra mentre stava ammirando la Venere di Botticelli ed è stato salvato da quattro medici romani, anche loro in visita al museo, che sono intervenuti tempestivamente utilizzando uno dei defibrillatori presenti nel museo.

“Voglio ringraziare per il tempestivo intervento i medici volenterosi che hanno dato un contributo determinante per salvare una vita a rischio”, Il direttore degli Uffizi Eike Schmidt è intervenuto sulla vicenda ringraziando i medici che "Hanno letteralmente salvato la vita di uno dei visitatori".

Quanto all'ipotesi che possa essersi trattato di un caso di sindrome di Stendhal, il direttore ha dichiarato: “Non rientra nelle mie competenze effettuare diagnosi mediche. Certo è però che in questi ultimi anni abbiamo avuto svariati casi di malore di fronte ad alcuni dei ‘pesi massimi’ della nostra galleria: non solo nella sala del Botticelli, ma anche di fronte alla Medusa del Caravaggio”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il sinistro si è verificato a metà pomeriggio a ridosso di piazza Beccaria, provocando code anche a causa del restringimento di carreggiata
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Lavoro