Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:17 METEO:FIRENZE14°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 31 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Caso Cospito, Donzelli (FdI): «La sinistra sta con lo Stato o con terroristi?». E in Aula scoppia il caos

Cronaca lunedì 18 maggio 2020 ore 12:32

La truffa del pacco bloccato in tempo di Covid

Un sms avvisa che un pacco in arrivo è rimasto bloccato in deposito a causa di un mancato pagamento, ma le Poste invitano a fare attenzione



FIRENZE — Nelle ultime ore alcuni fiorentini hanno segnalato di aver ricevuto un sms di avviso relativo ad un pacco non consegnato perché rimasto fermo in giacenza presso qualche deposito, il problema sarebbe un debito di pochi euro che impedisce di sbloccare la consegna.

Ecco il testo dell'sms "Attenzione! Non possiamo consegnare il tuo pacco dal numero di riferimento (CC****) Ulteriori informazioni: (link)".

Durante la quarantena molti italiani hanno fatto ricorso all'e-commerce per ricevere forniture di beni alimentari e non solo e proprio questo sarebbe alla base di una recrudescenza del fenomeno delle truffe. E' molto facile, infatti, che chi riceve l'sms sia realmente in attesa di una spedizione e questo rende il messaggio più credibile.

Il link inserito nel messaggio indirizza ad un sito giallo e blu di Poste italiane, l'azienda però contattata da QUInewsFirenze invita a prestare molta attenzione a queste tipologie di messaggi "Poste Italiane e PostePay non chiedono mai, telefonicamente e attraverso mail, tramite Ssms o messaggi sui social, di fornire password, dati delle carte, codici OTP, PIN, credenziali, chiavi di accesso all'home banking o altri codici personali. Se ci sono dubbi è possibile fornire i dettagli della comunicazione sospetta a CERT@posteitaliane.it affinché gli operatori possano verificare quanto accaduto".

La pratica adottata potrebbe essere lo Smishing "Si tratta di un caso particolare di phishing - è quanto spiegato da Poste italiane - il link malevolo viene inviato attraverso messaggi sms che sembrano provenire da mittenti ufficiali. Vengono chiesti dati riservati quali il nome utente, la password di accesso all’Internet Banking, gli estremi della carta o i codici One Time Password ricevuti via sms".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sarebbe la rimessa della refurtiva collegata a una serie di furti messi a segno, nell’ultimo mese, soprattutto nella zona tra Porta al Prato e Cascine
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità