Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE19°34°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 01 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Contratto Maldini e Massara con il Milan: «All'ultimo abbiamo rinnovato, sono molto felice»

Attualità martedì 12 aprile 2022 ore 09:03

La cocciniglia non perdona, cadono i giovani pini

Tutti i nuovi impianti sono stati tagliati, nessuno si è salvato. Saranno distrutti come è stato prescritto dal Comitato Fitosanitario Nazionale



FIRENZE — L'operazione di distruzione dei giovani pini attaccati dalla cocciniglia tartaruga è iniziata all'alba quando i tecnici sono arrivati al Giardino dell'Orticoltura di Firenze. Una squadra di giardinieri ha abbattuto un intero filare in pochi minuti.

Il parassita ha già creato danni in Italia, il primo focolaio in Campania e poi ha infestato i pini di Roma. Il caso di portata nazionale ha coinvolto il Comitato Fitosanitario ed il Ministero delle politiche agricole.

"Purtroppo 24 giovani pini sono stati infestati..." così recita il cartello affisso a tutti gli accessi al Parco, anche Gli orti del Parnaso che sono sulla collina della Bolognese ben distanti dal lungo filare incriminato che corre a valle, su via Vittorio Emanuele II.

Sono stati tagliati tutti i 24 esemplari di pino appena impiantati nel 2021 per sostituire alberi più vecchi che erano stati abbattuti nel 2020 perché considerati a rischio caduta.

"Le piante saranno interamente sostituite con specie indicate dalla Soprintendenza" conclude la comunicazione che questa mattina ha accolto i tanti frequentatori del parco.

La cocciniglia minaccia il verde in tutta Italia

Nel 2021 il Ministero delle Politiche Agricole alimentari e forestali ha disposto misure fitosanitarie di emergenza per il contrasto della Toumeyella parvicornis, la cosiddetta Cocciniglia tartaruga, condiviso ed approvato dal Comitato Fitosanitario Nazionale "Il parassita di origine nordamericana attacca i pini e rischia di mettere in pericolo il patrimonio verde delle città italiane. In particolare, dal 2015, anno in cui è stato rinvenuto il primo focolaio in Campania, ha attaccato progressivamente i pini delle città campane e laziali".

Per evitare il diffondersi dell'organismo in tutta Italia e tutelare, in particolare, i pini di Roma e il loro valore paesaggistico, il Comitato Fitosanitario Nazionale dal mese di Luglio 2020 ha predisposto una serie di attività, a partire dallo studio di questo organismo e dei suoi meccanismi riproduttivi, che hanno permesso di identificare le prime misure di contrasto.

La Conferenza Stato - Regioni ha disposto indagini su tutto il territorio nazionale, l'uso di una specifica applicazione per le segnalazioni della cittadinanza, nonché le misure fitosanitarie di intervento nelle aree con presenza del fitofago. Queste misure seguono quelle già previste dalle specifiche Linee guida in materia e nel loro insieme consentono di individuare le misure fitosanitarie più appropriate per l'eradicazione della Cocciniglia tartaruga, le sostanze attive dotate di potenziale efficacia contro il coccide e i possibili agenti di controllo biologico.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sei mesi di lavori per una delle arterie più trafficate della città. Panico tra i residenti ma anche i pendolari sono in allarme per il traffico
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Attualità