comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:40 METEO:FIRENZE14°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 29 novembre 2020
corriere tv
Guerra civile a Parigi, manifestanti danno fuoco alla Banque de France

Attualità martedì 02 giugno 2020 ore 10:01

In centro un nuovo rione servito dal tram

In foto il progetto di recupero
Progetto Studio RossiProdi Associati

Il progetto per il recupero dell'ex ospedale militare San Gallo interessa anche l'edificio che ha ospitato la Corte di Appello su via Cavour



FIRENZE — Nel centro storico di Firenze un intero isolato abbandonato potrà essere riqualificato, lo ha stabilito il Consiglio comunale su proposta dell’assessore all’Urbanistica Cecilia Del Re.

Il nuovo rione comprende l'ex area militare tra via Cavour e via San Gallo in piazza San Marco, tra l'ex Corte di Appello di Firenze e l'ex Ospedale militare San Gallo, area destinata ad accogliere la nuova linea del tram urbano diretta a piazza San Marco, o fino a via de' Martelli, come proposto dal sindaco Dario Nardella per avvicinare il tram al Duomo.

La variante adottata definisce le destinazioni d’uso di progetto residenziale comprensiva degli esercizi commerciali di vicinato, direzionale comprensiva delle attività private di servizio e commerciale relativa alle medie strutture di vendita, e turistico-ricettiva. La variante si affianca alla trasformazione di un’altra area che si appresta a ospitare anche la nuova Scuola di governance internazionale dell’Istituto universitario europeo nell’ex palazzo della Corte d’Appello.

L’assessore Del Re ha spiegato "Un pezzo di centro storico abbandonato, da tempo privo della funzione militare che aveva acquisito dopo l’unita d’Italia prendendo il posto di un convento, che cambia volto e ridisegna un intero isolato con un mix di usi pubblici e privati. L’intera zona compresa nell’asse San Gallo - via Cavour - San Marco troverà poi una nuova vocazione internazionale e di alta formazione con l’arrivo della Scuola di governance internazionale dell’Iue, che già dalla prossima primavera comincerà a formare i primi studenti: sono in corso infatti i lavori da parte del demanio".

Il comprensorio San Gallo rientra nell’accordo del novembre 2014 con Demanio e ministero della Difesa per la razionalizzazione e valorizzazione di alcuni immobili militari presenti nel territorio comunale. Il masterplan dell’area si ispira al concept presentato dal gruppo di progettisti composto da Fabrizio Rossi Prodi, Silvia Viviani, Emiliano Diotiaiuti, Tekne, Studio De Vita & Schulze, vincitore del concorso di idee bandito a settembre 2016 dalla società di gestione del risparmio di Cassa depositi e prestiti. I risultati erano stati presentati a marzo 2017. 

Tra le prescrizioni legate all’interno, la realizzazione di una connessione trasversale fra via Cavour e via San Gallo e l’apertura dello spazio in corrispondenza di via Cavour in modo da garantire la fruizione pubblica del complesso; l’utilizzo dei piani terra prospettanti gli spazi di uso pubblico per funzioni compatibili e il reperimento di parcheggi.

In particolare, nell’area della ‘testata urbana’ sono previste principalmente funzioni rivolte al pubblico, come attività commerciali di vicinato, ristorazione, sala convegni ed eventi temporanei, servizi alla persona. Nell’area del ‘cuore della cittadella’ sono previste ancora funzioni rivolte al pubblico, come servizi alla persona e strutture commerciali di vicinato. Infine, nell’area della Palazzina Alloggi Ufficiali è prevista al piano terra la funzione commerciale anche di media dimensione; mentre ai piani superiori e nel nuovo edificio frutto della demolizione di strutture esistenti, è prevista la funzione residenziale. Per rivitalizzare il tessuto locale, su via San Gallo sono previste al piano terra una serie di attività rivolte al pubblico, attraverso le quali la collettività potrà tornare a riconquistare gli spazi interni del complesso.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità