comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:41 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 20 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Segre: «Le parole di Salvini? Sono scaramantica, mi allungano la vita»

Attualità lunedì 23 novembre 2020 ore 17:22

Il volto di Gramsci diventa un murale gigante

Foto di Marco Borrelli

L'artista Jorit è tornato a Firenze per realizzare una nuova opera su un edificio di edilizia popolare, la gigantografia di Antonio Gramsci



FIRENZE — A due anni dal murale di Nelson Mandela in piazza Leopoldo, Jorit torna a Firenze per realizzare una nuova opera su un edificio di edilizia popolare: l'artista dipinge un grande ritratto di Antonio Gramsci, politico e intellettuale comunista sardo incarcerato dal regime fascista dal 1926 al 1937.

Il ritratto sulla parete esterna del condominio posto in via Canova al numero 25/22. La superficie della parete è di 213 metri quadri.

“Anche quando tutto è o pare perduto, bisogna rimettersi tranquillamente all'opera, ricominciando dall'inizio… La crisi consiste appunto nel fatto che il vecchio muore e il nuovo non può nascere” questa la prima frase tracciata sul muro. A commento dell'opera una frase tratta da una delle lettere che Antonio Gramsci scrisse dal carcere a suo fratello Carlo nel 1927. Una riflessione utile in tempi in cui l'intero paese si trova a scrutare timoroso il futuro e che ci richiama al "pessimismo dell'intelligenza, ottimismo della volontà", quello che fu il motto applicato da Gramsci per tutta la sua vita.

Rimettersi all’opera, un impegno che l’associazione Teatro Puccini ha voluto ricordare sin dal titolo dato all’intero progetto, Odio gli indifferenti, preso da uno scritto di Gramsci apparso per la prima volta nel 1917 sulla rivista La Città Futura. Con questo intervento prosegue l'impegno del Comune di Firenze e di Casa spa di mettere alcune delle pareti dei suoi edifici a disposizione di artisti affinché trasformino parti della città in un museo all'aperto dell'arte contemporanea.



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità