comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:10 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 24 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sileri: «Piano vaccini in ritardo di 6-8 settimane»

Attualità mercoledì 08 febbraio 2017 ore 19:00

Il sindaco boccia la moschea a villa Basilewsky

Nardella tira il freno sulla realizzazione del centro di culto nell'immobile della Regione e apre al patto di cittadinanza con l'Islam



FIRENZE — No, villa Basilewsky no. Le voci sulla possibile realizzazione della mosche nell'immobile, che al momento appartiene ancora alla Regione, non piace al sindaco Nardella. Nelle ultime settimane sono stati fatti dei sopralluoghi per sondare le reali possibilità di realizzazione dell'opera. Una possibilità che per il sindaco resta improbabile e questo per vari motivi, "incluso il fatto che siamo in un'area con grandi flussi di traffico, assolutamente inadeguata ad ospitare anche un numero così rilevanti di persone".

Detto questo, dal Comune non esiste alcuno stop alla realizzazione della moschea da altre parti. "Non appena la Comunità islamica sarà pronta, noi saremo altrettanto pronti a consentire la realizzazione di un centro di preghiera. Pregare è un diritto sacrosanto e va garantito", ha spiegato il primo cittadino. 

Resta comunque il fatto che, per garantire la pacifica convivenza, delle regole debbano essere stabilite anche per la preghiera. Proprio per questo il sindaco ha anche espresso la volontà di portare a Firenze lo stesso patto di cittadinanza siglato qualche giorno fa a Roma per stabilire un modello italiano di rapporti con l'Islam. "Io chiedo alla comunità musulmana di attuare subito a Firenze il patto: e questo vuole dire, pregare in italiano, sermoni in italiano, trasparenza dei centri dipreghiera e di tutti gli imam con nomi cognomi indirizzi,reperibilità per tutti loro e apertura alla città".



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità