Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:54 METEO:FIRENZE13°25°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 05 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Karima El Marough: «E' stato un incubo, adesso rivoglio la mia vita»

Attualità venerdì 24 luglio 2020 ore 11:20

Il segreto di Simonetta, la Venere del Botticelli

Dietro Chiara Ferragni c'era un quadro, il dipinto più rappresentativo del Rinascimento, secondo uno studioso, nasconde un grande segreto



FIRENZE — Le Gallerie degli Uffizi hanno dato spazio alla Venere protagonista dello scatto più chiacchierato degli ultimi giorni, quello che ritrae l'influencer Chiara Ferragni in visita al museo fiorentino. Dietro Chiara Ferragni c'era un quadro dipinto nella seconda metà del 1400 quando tutto doveva ancora essere scoperto. Oppure no a sentire Riccardo Magnani, uno studioso dei particolari nascosti nel mondo dell'arte.

Secondo Magnani nell'opera più iconica del Rinascimento è nascosta la conoscenza delle Americhe già nel 1483 "I veli con cui la Venere viene rivestita - spiega Magnani a QUInewsFirenze - non sono altro che una riproposizione dell'America del Nord e l'America del Sud così come vengono stilizzate da Martin Waldseemuller nel 1507, in quella che ufficialmente verrà poi riconosciuta la prima mappa in cui compare il nome America". La Nascita di Venere raffigura l’approdo della dea dell’amore e della bellezza sull'isola di Cipro.

Chi era Simonetta, la donna identificata come la Venere di Botticelli? "Simonetta era una nobildonna di origine genovese della famiglia Cattaneo - è quanto ricordato oggi dalle gallerie degli Uffizi - che andò in sposa a Marco Vespucci, parente alla lontana del più conosciuto Amerigo, il navigatore che darà il proprio nome al Nuovo mondo, l’America. Appena arrivò a Firenze, Simonetta diventò la donna più desiderata dagli uomini e la più ricercata fra gli artisti. Tutti gli artisti della cerchia di Lorenzo il Magnifico, fra cui Sandro Botticelli, l’avrebbero voluta come modella. Una top del '400. Desiderata da tutti tanto da diventare un mito, dall’iconografia chiara e riconoscibile, con i suoi capelli aurei e l'incarnato pallido ed evanescente, come la sua vita fugace. Morì poco più che ventenne. In suo onore si organizzarono giostre e feste sfarzose a porte blindatissime. Pare avesse una relazione con il fratello di Lorenzo il Magnifico, Giuliano de' Medici. Dunque un miracolo di bellezza nato a Genova o forse a Porto Venere, certamente ligure".

Ligure era anche il genovese Cristoforo Colombo che nel 1492 avrebbe dato il via alla colonizzazione del Nuovo mondo cui il fiorentino Amerigo Vespucci avrebbe dato il nome. Entrambi cresciuti al tempo di Lorenzo de' Medici ma sopravvissuti al rampollo della gloriosa famiglia fiorentina.

PRECISAZIONE ________________________________________________

In seguito alla pubblicazione di questo articolo abbiamo ricevuto da Diego Baratono Ricercatore e SaggistaCa' Bel Poggio Agliè Canavese (Torino) di Academia.edu https://independent.academia.edu/DIEGOBARATONO e Claudio Piani una mail con la seguente precisazione. 

Il signor Magnani omettendo volutamente (ci conosce molto bene e sa molto bene delle nostre ricerche) di citare gli scriventi quali primi ed unici propugnatori della predetta interpretazione del dipinto del Botticelli, e pubblicando sul vostro giornale idee assolutamente non sue spacciandole proditoriamente invece per sue considerazioni, si è appropriato indebitamente dei risultati di studi indiscutibilmente "solo", ribadiamo "solo" di proprietà intellettuale degli scriventi, quindi ledendo volontariamente e continuativamente (non è da poco, infatti, che porta avanti queste idee spacciandole per sue) la nostra immagine di ricercatori.

Diego Baratono e Claudio Piani.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono quattro le caffetterie fiorentine presenti nei Bar d'Italia 2023 del Gambero Rosso,, la guida che dà i voti ai locali più amati dagli italiani
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Lavoro