Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:15 METEO:FIRENZE23°38°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 20 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La maledizione del fondatore. Dopo Bossi, anche Grillo scomunica il suo partito
La maledizione del fondatore. Dopo Bossi, anche Grillo scomunica il suo partito

Attualità mercoledì 24 maggio 2017 ore 13:26

Il Saloncino della Pergola dedicato a Paolo Poli

Foto twitter Dario Nardella

Nel giorno in cui avrebbe compiuto 87 anni nel teatro fiorentino si è svolta la prima intitolazione all'attore scomparso un anno fa



FIRENZE — Non voleva essere una commemorazione ma una festa l'intitolazione del Saloncino della Pergola a Paolo Poli, artista indimenticabile del panorama teatrale (ma anche televisivo) italiano. E in fondo una festa lo è stata visto che la data scelta era anche quella del compleanno dell'attore, scomparso il 25 marzo del 2016. 

Presente la sorella Lucia che ha coordinato un evento dedicato al fratello con i componenti della famiglia, con gli amici e con i colleghi che hanno lavorato con lui nella sua lunga carriera. 

Alla cerimonia era presente anche il sindaco di Firenze Dario Nardella che ha detto: "Per ricordare Paolo abbiamo scelto il giorno del suo compleanno perché è un giorno festa. Da oggi e per sempre questo luogo lega un pezzo di sé alla vita e alla carriera di Poli. Ricordo che l'ultima volta che Paolo parlò in pubblico fu nel teatro Niccolini, appena riaperto dopo 20 anni. Tra le altre cose lui disse che l'unico premio che ha amato in vita sua è l'applauso del pubblico, e quello di stasera gli avrebbe sicuramente fatto piacere". 

Giusto per ricordare una parte dei trascorsi artistici dell'attore, la prima volta che Paolo Poli si esibì alla Pergola fu nel 1963 con 'Il mondo d’acqua' di Aldo Nicolaj. Tra gli anni Sessanta e gli anni Duemila Poli è salito sul palco di via della Pergola altre cinque volte: con 'Il candelaio di Bruno Giordano' nel 1964, con 'Il milione di Sergio Tofano' nel 1965, con 'Il tranello di Medusa' di Erik Satie nel 1999, con 'Jacques il fatalista' di Ida Omboni e Paolo Poli (da Diderot) nel 2003, con 'Il ponte di San Luis Rey', dal romanzo di Thornton Wilder, nel 2005. L'ultima volta è stata nel 2007, quando (anche con un braccio rotto) interpretò 'Sei Brillanti Giornaliste Novecento', una commedia ‘in due tempi’ tra parole, musica e pittura, sui testi di sei giornaliste: Mura, Paola Masino, Irene Brin, Camilla Cederna, Natalia Aspesi, Elena Gianini Belotti.

Ma i ricordi di Paolo Poli nella mente dei suoi spettatori sono molteplici: i sorrisi con il pubblico all'uscita dagli spettacoli, quando arrivava sempre elegantissimo in papillon e la voce inconfondibile e versatile con cui negli anni ha raccontato a tanti bambini, ora cresciuti, fiabe e novelle. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le fiamme si sono sviluppate a partire da un ufficio, andato completamente distrutto. Locali completamente invasi dai fumi di combustione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Lavoro