Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:25 METEO:FIRENZE13°21°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 07 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Attualità mercoledì 25 gennaio 2017 ore 15:21

Il racconto della memoria nel silenzio di Auschwit

Anche una rappresentanza della Città metropolitana sul treno della memoria con i 560 studenti partiti per visitare i campi di sterminio in Polonia



FIRENZE — L'esperienza è di quelle che si ricordano per tutta la vita. Così sarà per gli studenti toscani partiti a bordo del treno della memoria che si uniscono idealmente alle migliaia di loro compagni che hanno compiuto lo stesso percorso nelle passate edizioni. 

A rappresentare la Città metropolitana sul convoglio partito lunedì scorso dal binario 16 della stazione di Santa Maria Novella, la consigliera metropolitana Francesca Paolieri. "Il treno che ci porta a Auschwitz - ha scritto Paolieri - non deve essere solo un esercizio di memoria, ma il punto di partenza affidato a ciascuno per raccontare e tramandare al prossimo quello che è stato e vivere ogni giorno in modo che non accada più". 

L'auspicio è che non accada più neppure nelle sue varianti contemporanee, come ha detto la Ugo Caffaz, che da sempre anima il viaggio del treno della memoria: "Il nostro Mediterraneo è ormai una grande fossa comune. Non possiamo continuare a vivere sicuri nelle nostre tiepide case facendo finta di nulla. Il Giorno della Memoria deve accompagnare le nostre riflessioni e i nostri comportamenti ogni momento della nostra vita. Se, come diceva Primo Levi 'comprendere è impossibile, conoscere è necessario', e per questo organizziamo il Treno della Memoria ormai da 15 anni"

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A spaventare i residenti è la cantierizzazione dei lungarni ma anche l'impatto che la nuova infrastruttura avrà sulla viabilità interna della zona
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Attualità